Quantcast

Copra sconfitta da Trento (0-3). I Lupi ringraziano per “15 anni di volley”

I 2910 spettatori del PalaBanca salutano l’ultima gara di Campionato e della stagione della Copra Piacenza nell’anticipo della tredicesima di ritorno

Più informazioni su

L’Energy T.I. Diatec Trentino chiude la Regular Season con una vittoria a Piacenza. La Copra è la prima squadra a chiudere la stagione
 
COPRA PIACENZA – ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO 0-3 (14-25, 31-33, 16-25) – COPRA PIACENZA: Alletti, Marra (L), Poey 10, Papi 3, Da Silva Pedreira Junior (L), Massari 1, Zlatanov 7, Ostapenko 2, Tencati 5, Kohut 14, Rodrigues Tavares 2. Non entrati Ter Horst, Meoni. All. Camperi. ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 16, Birarelli 9, Zygadlo 1, Nemec 8, Lanza 17, Solé 8, Mazzone, Colaci (L), Djuric 2. Non entrati Nelli, Thei, Giannelli, Burgsthaler. All. Stoytchev. ARBITRI: Cesare, Santi. NOTE – Spettatori 2900, incasso 18000, durata set: 20′, 37′, 23′; tot: 80′.
 
I 2910 spettatori del PalaBanca salutano l’ultima gara di Campionato e della stagione della Copra Piacenza nell’anticipo della tredicesima di ritorno sulle note di “Ho imparato a sognare” di Fiorella Mannoia canzone che accompagna lo striscione dei tifosi di casa, i Lupi Biancorossi, riportante la scritta “15 anni di volley: è stato meraviglioso!”. L’Energy T.I. Diatec Trentino conquista 0-3 l’ultima giornata di Regular Season ma non a cuor leggero: la Copra Piacenza cerca con grande orgoglio di lasciare le scene stagionali nel miglior modo possibile nonostante il risultato finale valga poco per il suo futuro, essendo ormai esclusa dai Play Off Scudetto.
 
L’orgoglio di Piacenza emerge soprattutto nel secondo parziale, frazione in cui Zlatanov e compagni viaggiano in vantaggio di anche 5 lunghezze fino al 20-20, poi un punto a punto interminabile (che si concluderà solo sul 31-33) manda in visibilio gli spettatori del PalaBanca come se fosse una finale Scudetto.
 
Per il resto, un assolo della squadra trentina che fa anche esordire Djuric, l’ultimo tassello della società di Diego Mosna per la corsa Play Off. Sui titoli di coda del match i Lupi Biancorossi incitano l’intero palazzetto ad alzarsi in piedi: gli ultimi 3 punti di Piacenza-Trento hanno come sottofondo gli applausi di 5820 mani. MVP Kaziyski.
 
CHIAMATE VIDEO CHECK
2° SET
13-10 (attacco Zlatanov) video check richiesto da Piacenza per verifica invasione a muro di Trento. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (13-10)
21-21 (muro Birarelli) video check richiesto da Trento per verifica invasione a muro. Decisione arbitrale invertita, si rigioca l’azione.
25-24 (attacco Lanza) video check richiesto da Trento per verifica in-out, decision e arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (25-23).
3°SET
4-7 (battuta Nemec) video check richiesto da Trento per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (4-7)
16-24 video check richiesto da Piacenza per verifica invasione a muro di Trento, decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (16-24).
16-25 (attacco Kohut) video check richiesto da Piacenza per verifica in-out decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (16-25)
 
Samuele Papi (Copra Piacenza): “Spero che per questa Società ci sia ancora un futuro, lo spero soprattutto per questo fantastico pubblico che non ci ha mai abbandonato, nemmeno in questa stagione travagliata. Confido che arrivi qualcuno ad aiutare questa Società per la città di Piacenza e per i piacentini stessi, sarebbe un vero peccato perdere questo pubblico”.

Emanuele Birarelli (Energy T.I. Diatec Trentino): “Sapevamo che il loro orgoglio sarebbe emerso, ne abbiamo avuto prova soprattutto nel secondo set che abbiamo rischiato di perdere anche per alcune decisioni arbitrali discutibili. E’ stata una partita vera fino alla fine, noi siamo stati bravi a rimanere attaccati al match”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.