Quantcast

Expo, Piazzetta Piacenza inaugura il 3 maggio e già si pensa al futuro della Zolla foto

Incontro a Palazzo Farnese per illustrare Piazzetta Piacenza, taglio del nastro fissato nel pomeriggio di domenica 3 maggio. Dopo Expo la Zolla potrebbe diventare uno spazio itinerante nella città

Più informazioni su

Sarà inaugurata ufficialmente nel pomeriggio di domenica 3 maggio la “Grande Zolla”, simbolo di Piazzetta Piacenza all’Expo di Milano, che dal 12 aprile fa bella mostra nello spazio piacentino del Padiglione Italia.

A confermarlo è il presidente di Ats Piacenza per Expo, Silvio Ferrari, nell’incontro di questa mattina, sabato 18 aprile, a Palazzo Farnese. I lavori continuano a ritmo serrato: già terminati il piano di copertura, la struttura che reggerà il caleidoscopio interno, l’apertura a ottagono centrale e il pavimento interno con l’idrografia del territorio piacentino e i fiumi che delimitano le quattro Valli principali insieme al limite del Po. Mancano ancora il rivestimento interno e il giardino, ma tutto sarà ultimato per il grande appuntamento del 3 maggio.

Ad illustrare Piazzetta Piacenza è stato lo stesso Ferrari insieme al costruttore della Grande Zolla Alberto Rota, dell’azienda Rota Guido Srl, General Contractor per l’esecuzione dei lavori di Piazzetta Piacenza. Un’occasione per ringraziare tutti gli attori che hanno contribuito a costruire il progetto per Expo, a partire dal comune di Piacenza: “Per la nostra Provincia è una grande scommessa che sono sicuro vinceremo  – ha risposto il vicesindaco Francesco Timpano – ; una storia positiva da raccontare e diffondere anche di fronte allo scetticismo che si manifesta di fronte a queste tematiche”.

“La Grande Zolla è ormai un “simbolo”, ha aggiunto con soddisfazione Alberto Rota; dello stesso parere la professoressa del Politecnico Guya Bertelli: “Ci sono già alcune idee per il dopo Expo, la Zolla potrebbe diventare un “cubo” itinerante che si sposta nei punti strategici della nostra città, in ricordo dell’evento milanese”.

Gli architetti hanno illustrato attraverso le numerose fotografie scattate nel cantiere di Expo, alcuni passaggi delle fasi costruttive, ormai giunte a conclusione. Tante le imprese impegnate nei lavori di realizzazione, impiantistica e decorazione della Piazzetta: Elettroservice Snc, Acelli, Inside Srl, Centrufficio Piacenza, EVArredo, Poliflor, EdilMovi, Arduino Luigi Srl, Zincatura e Metalli Spa, Pavone Srl, Paver Spa, PrimoStand, Vologni Arredamenti.

La storia – Piacenza si è assicurata uno spazio di 78 mq nell’area Expo a Milano, proponendo la propria candidatura in risposta all’avviso del Commissario di Padiglione Italia dell’agosto 2013 per la ricerca di ricercare manifestazioni di interesse, da parte delle autonomie locali, a partecipare agli spazi ed ai format di palinsesto eventi proposti dal Padiglione Italia durante il semestre Expo 2015.

Per definire la forma dello spazio dedicato a Piacenza una squadra di 50 creativi tra studenti del Politecnico, architetti professionisti under 35 e coordinatori ha elaborato alcune proposte progettuali, che il 27 novembre 2014 sono stati valutati da una apposita commissione.

Il progetto vincitore, presentato dagli architetti Mila BoeriEnrico De BenedettiDaria GhezziMarta PianaRosemary RamelliFilippo Ravera e il professor Sandro Rolla, riproduce una zolla di terra piacentina, con un interno che rappresenta le sfaccettature della piacentinità. Hanno collaborato al progetto anche 5 studenti del Politecnico Greta Andreoli, Michele Bassi, Ilaria Bianchi, Lorenzo Cocchi, Simone Varani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.