Quantcast

Giornata del Rene, 200 piacentini ai controlli gratuiti in piazza foto

Ottimo riscontro a Piacenza per la giornata di prevenzione curata dal reparto di Nefrologia e dialisi dell’ospedale di Piacenza in occasione della Giornata mondiale del rene

Più informazioni su

Ottimo riscontro a Piacenza per la giornata di prevenzione curata dal reparto di Nefrologia e dialisi dell’ospedale di Piacenza in occasione della Giornata mondiale del rene. Circa 200 le persone che nella giornata di giovedì si sono recate in Piazza Cavalli nella tenda allestita ad hoc dall’equipe di Nefrologia e Dialisi. Medici e infermieri hanno accolto i cittadini per informare, misurare la pressione arteriosa, far conoscere i primisegni, e fare accertamenti preliminari di diagnosi di malattia renale: dai primi dati, in circa il 10% delle persone controllate sono emerse anomalie per le quali verranno disposti esami più approfonditi in reparto.

“Le malattie renali – evidenzia il primario Roberto Scarpioni – colpiscono 1 italiano su 10; spesso non ci si accorge dell’insorgere di tali patologie, perché non hanno sintomi importanti”. Addirittura 1 italiano su 6 potrebbe avere una compromissione di grado medio della funzione renale e addirittura il 3 per cento di livello medio-avanzato. Negli USA, per esempio, a causa di una minor attenzione alla dieta e a stili di vita a volte inadeguati, l’incidenza di malattie renali tocca il 20 per cento della popolazione. Un progressivo aumento delle malattie renali si registra anche a Piacenza, “dove, per pazienti con avanzato grado di insufficienza renale, stiamo eseguendo trattamenti di dialisi anche con turni notturni”.

La giornata di sensibilizzazione coinvolge tutti i centri nefrologici italiani e del mondo; nel nostro Paese è promossa dalla Società Italiana di Nefrologia (SIN) e dalla Federazione Internazionale del Rene, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. In piazza Cavalli, all’interno della tenda allestita dalla Croce Rossa Italiana, i medici e infermieri del reparto di Nefrologia e Dialisi di Piacenza, Castel San Giovanni, Fiorenzuola e Bobbio hanno rilevato la pressione arteriosa, raccolto i dati anamnestici ed eseguito l’esame urine in ambiente separato; tali dati verranno poi analizzati, con l’invio successivo del referto al medico di famiglia. Nel caso, alla persona saranno suggeriti approfondimenti ulteriori. L’iniziativa ha lo scopo di accrescere la consapevolezza che è possibile contrastare la malattia renale se questa viene diagnosticata precocemente.

“Conoscere la patologia ci consente di porre in essere tutte le terapie oggi a disposizione per controllare e rallentare l’evoluzione dell’insufficienza renale, prevenendo così l’eventuale necessità di dialisi o trapianto renale”. L’iniziativa di sensibilizzazione ha lo scopo di porre l’attenzione sull’importanza della prevenzione nonché sulla necessità di rallentarne l’evoluzione e soprattutto di evitare le gravi e devastanti complicazioni cardiovascolari innescate dalla insufficienza renale avanzata.

Nel reparto di Nefrologia e Dialisi un migliaio di pazienti con malattia renale a vari stadi sono seguiti negli ambulatori, e un numero maggiore è gestito nelle fasi iniziali della malattia insieme ai medici di medicina generale, che hanno ruolo importante nel riconoscere e filtrare i pazienti a rischio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.