Quantcast

In casa proiettili e una serra con 20 piante di cannabis. Operaio in manette a Vigolzone foto

Una serra di marijuana con 20 piante di cannabis ricavata in una stanza all'interno della propria abitazione. E' stato un normale controllo dei carabinieri a tradire un 49enne operaio di Vigolzone, che dovrà ora rispondere di diversi reati

Più informazioni su

Una serra di marijuana con 20 piante di cannabis ricavata in una stanza all’interno della propria abitazione. E’ stato un normale controllo dei carabinieri a tradire un 49enne operaio di Vigolzone (Piacenza), che dovrà ora rispondere di diversi reati.

Tutto è accaduto martedì, quando i militari del nucleo operativo e readiomobile della Compagnia di Bobbio hanno fermato l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, alla guida della propria vettura. L’operaio, riferiscono i militari, si è dimostrato molto insofferente e agitato: poco dopo all’interno dell’abitacolo dell’auto, veniva trovato un passamontagna di colore nero, del quale 49enne non sapeva giustificare il possesso, ed un coltello della lama di circa 15 centimetri, custodito all’interno del borsello che l’uomo portava a tracolla.

I carabinieri hanno così effettuato un controllo anche nella sua abitazione; all’interno dell’appartamento, una camera delle dimensioni di 3 metri per 2 era stata adibita a serra per la coltivazione della marijuana. Nella serra artigianale allestita con pannelli oscuranti, luci continue al neon, impianto di riscaldamento e umidificazione, i militari della Compagnia di Bobbio hanno rinvenuto anche 20 piante di cannabis indica, diversi semini della stessa specie da piantare, fertilizzanti per il terreno e circa 100 grammi di marijuana pronta per essere confezionata.

Una quantità che si pensa fosse già pronta per essere immessa sul mercato dello spaccio: in casa sono infatti stati trovati anche 3 bilancini elettronici di precisione, svariati involucri in cellophane e 350 euro in contanti, ritenuti provento di spaccio e per questo sequestrati assieme a tutto il materiale rinvenuto. A completare il quadro, i Carabinieri hanno rinvenuto circa 25 proiettili calibro 9×17, anch’essi illecitamente detenuti dall’uomo e per questo posti sotto sequestro.

Il 49enne è stato arrestato con l’accusa di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, possesso ingiustificato di armi e oggetti atti all’offesa, nonché per detenzione abusiva di munizioni. Si trova ora ai domiciliari in attesa del processo per direttissima.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.