Quantcast

In consiglio comunale il consuntivo, Gazzola: “Avanzo di 3 milioni”

Conto consuntivo, di questo si discute in consiglio comunale a Piacenza. Ad illustrare il documento l'assessore al Bilancio Luigi Gazzola.

Più informazioni su

Conto consuntivo, di questo si discute in consiglio comunale a Piacenza. Ad illustrare il documento l’assessore al Bilancio Luigi Gazzola. Il conto economico si chiude con un pareggio di 160 milioni e 876mila euro. Lo scostamento rispetto al bilancio di previsione è di 2 milioni e 185 mila euro, un incremento dell’1,4 per cento definito “fisiologico” dall’assessore. “Lo scorso anno – spiega – l’incremento era di 7 milioni, pari all’11 per cento in più”.

“Abbiamo rispettato il patto di stabilità, oltre a non aver evidenziato nessuno dei parametri di parametri deficitarietà strutturale. Diminuisce rispetto lo scorso anno la spesa del personale (-4%), che incide al 23,38 per cento sulla spesa totale – prosegue l’assessore Gazzola -. Quella corrente è diminuita di 900mila euro, dopo il calo di oltre 3 milioni di euro registrato lo scorso anno. Abbiamo un avanzo di 2 milioni e 938mila euro che utilizzeremo per spese di investimento. Siamo soddisfatti, perché siamo riusciti a fare economie senza penalizzare la qualità dei nostri servizi’.

Prende la parola Giovanni Botti del Pdl il quale chiede una sospensiva, perché nel materiale allegato manca il dettaglio dei contributi erogati a persone fisiche. ‘Ci sono persone che hanno preso contributi per 400 euro, altri 10 mila, altri ancora 73 mila euro. Dovrebbero essere dettagliate, non mi interessa l’identità dei soggetti’ dice Botti.

‘Votiamo contro – dice Laura Rapacioli del Pd -, negli uffici sono disponibili tutte le documentazioni necessarie’. ‘Legittima la richiesta del consigliere Botti – interviene Paolo Garetti (Lista Sveglia) – quindi io voto a favore’. La richiesta di sospensiva viene respinta a maggioranza.

‘Vedere un avanzo di 2 milioni e 900 mila euro, quando abbiamo l’Irpef tra le più alte d’Italia e le strade malmesse, non è un risultato positivo’ interviene il consigliere Paolo Garetti. ‘Dal mio punto di vista si può fare di più, nell’ottica del buon padre di famiglia.

‘Restiamo sempre perplessi nel veder aumentare gli incassi dovuti alle multe’ interviene Mirta Quagliaroli del M5s.

‘Per quanto riguarda la sicurezza, mi chiedo dove sia finito l’impegno previsto in una mozione, presentata da noi, ma votata dalla maggioranza del consiglio – interviene Erika Opizzi (Fd’I) -, qui non ne trovo traccia. Per la polizia municipale, ci era stato detto che con il nuovo comandante molte cose si sarebbero risolte, aspettiamo novità. Sul fronte dello sviluppo economico, chiedo quante risorse sono state investite nelle start up. Inoltre mi chiedo come abbiate intenzione di comportarvi in merito alla nuova emergenza profughi’.

‘Con questo avanzo si poteva fare di più, investendo maggiormente nella sicurezza. Ci era stato promesso un intervento su questo fronte, e 15 agenti assunti, come annunciato dal sindaco, in realtà serviranno solo a coprire i pensionamenti’ dice Maria Lucia Girometta (Pdl).

‘Tra quello che il Comune ci fa spendere tra Imu, acqua e Tari – interviene Marco Tassi (Pdl) – i cittadini si meritano più attenzione e meno ipocrisie. Invece si spendono soldi per il campo nomadi e i profughi’.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.