Quantcast

In ricordo di Sandro Bosoni, concerto degli Amici della Lirica 

Venerdì 17 aprile 2015 alle ore 21 presso la Sala dei Teatini di Piacenza si terrà un concerto lirico a scopo benefico in ricordo di Sandro Bosoni; l'evento è organizzato dagli Amici della Lirica e il ricavato verrà devoluto all'AIAS

Più informazioni su

Venerdì 17 aprile 2015 alle ore 21 presso la Sala dei Teatini di Piacenza si terrà un concerto lirico a scopo benefico in ricordo di Sandro Bosoni; l’evento è organizzato dagli Amici della Lirica e il ricavato verrà devoluto all’AIAS. A Sandro Bosoni, socio fondatore del sodalizio ora guidato da Sergio Buonocore, del quale è stato anche Presidente, come pure lo è stato dell’AIAS di Piacenza, è dedicato questo specialissimo appuntamento che vedrà alternarsi sul palcoscenico artisti di calibro ad intrecciare uno strepitoso spettacolo: il tenore Beniamino Prior, ospite d’onore, il soprano Samantha Sapienza e il mezzosoprano Sabina Williet accompagnati al pianoforte dal Maestro Gianfranco Iuzzolino.

Il programma prevede arie da Andrea Chenier di U. Giordano, Pagliacci di R. Leoncavallo, Tosca di G. Puccini, Ernani di G. Verdi, La Wally di A. Catalani, Sapho di C. Gounod, Louise di G. Charpentier e non solo. Ospite d’onore della serata il tenore Beniamino Prior, originario della provincia di Pordenone, grandissimo interprete, ritenuto tenore per eccellenza per alcuni dei ruoli più amati del repertorio: Lucia di Lammermoordi G. Donizetti, Madama Butterfly e La Bohème di G. Puccini, Rigoletto e La Traviata di G. Verdi. Entrato giovanissimo al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, all’età di 25 anni ha conseguito il “Diploma di Canto” sotto la guida del M° Paolo Mirko Bononi.

Ha iniziato la sua carriera, ancora allievo, al Teatro La Fenice di Venezia cantando Requiem di W. A. Mozart per la direzione di Carlo Maria Giulini, per poi debuttare in campo operistico al Teatro alla Scala di Milano nel ruolo di Arturo in Lucia di Lammermoor, sotto la direzione di Claudio Abbado, appena diplomato. Nel 1968 il debutto come primo tenore assoluto, nel ruolo di Edgardo in Lucia di Lammermoor, alla Fenice di Venezia, a fianco di Cristina Deutekom, con la direzione di Antonino Votto.

Riconfermato alla Fenice con la Straniera di V. Bellini, parte per Amsterdam per Elisir d’Amore di G. Donizetti, per poi tornare a Venezia e al Regio di Torino come protagonista in Lucia di Lammermoor. Nel 1971 ha vinto il Primo Premio al Concorso Voci Verdiane e iniziato la sua luminosa carriera; proprio fra dicembre 1971 e febbraio 1972 Beniamino Prior ha cantato a Piacenza come protagonista in Madama Butterfly e in Lucia di Lammermoor; il M° Prior è tornato a cantare al Municipale nel 1979 come Alfredo in Traviata.

Debutta nel marzo 2010, insieme al mezzosoprano Beatrice Mezzanotte, nello Stabat Mater di G. B. Pergolesi con l’orchestra de “I solisti di Perugia” diretta dal M° Daniele Quaglia, in occasione del trecentenario della morte del compositore marchigiano. Dal 2012 collabora stabilmente con l’orchestra “Xilon” diretta dal M° Paolo Matteucci. A seguito dell’idoneità conseguita all’interno del 51° Concorso internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” Edizione del Bicentenario, partecipa al “Corso di alto Perfezionamento del repertorio verdiano”, che ha visto tra i suoi docenti principali il M° Donato Renzetti e Leo Nucci.

Nell’Ottobre 2013 debutta al Teatro Municipale di Piacenza, con il ruolo di Luisa Miller, nell’omonima opera verdiana, diretta dal M° Donato Renzetti per la regia di Leo Nucci; opera replicata nel Gennaio 2014, presso il Teatro Comunale di Ferrara. Il 12 Luglio 2014 si esibisce al fianco di Desirée Rancdatore, Celso Albelo, Alberto Gazale e Michele Pertusi con l’Orchestra Filarmonica Italiana diretta dal M° Fabrizio Cassi, nel concerto “A Carlo”, in onore del M° Carlo Bergonzi. Nello stesso anno la Confederazione Italiana Associazioni e Fondazioni per la Musica Lirica e Sinfonica, promotrice degli “Oscar della Lirica 2014 – International Opera Awards”, le assegna il Premio Speciale per la New Generation; nella serata spettacolo, svoltasi il 12 Dicembre presso l’anfiteatro di Katara, a Doha in Qatar, si esibisce al fianco di Chiara Amarù, Francesco Meli, Alberto Gazale, Elisabetta Fiorillo, Bruno Praticò e Dimitra Theodossiou, diretta dal M° Elisabetta Maschio. Sabina Williet, mezzosoprano, nata a Bolzano da una famiglia ladina, ha studiato canto al Conservatorio “Claudio Monteverdi” della sua città diplomandosi con il massimo dei voti. Si perfeziona con il M° Beniamino Prior.

Nel corso della propria attività ha collaborato tra gli altri con Renata Scotto, Liliana Poli, Giuseppe Taddei, Celestina Casapietra, Luciana Saldari, Rolando Paneari. Dal 2001 si è dedicato maggiormente alla carriera concertistica di accompagnatore e negli ultimi anni in collaborazione fissa con il soprano Manami Hama con la quale, dopo il debutto ufficiale per la Società dei concerti di Novara, ha svolto numerosi concerti in Europa ed in Giappone. Sempre con la Hama svolge attività di recupero del repertorio dimenticato dell’Ottocento, attività che ha portato nell’estate 2004 alla registrazione del cd “Forse una volta …” contenente musiche di Puccini, Tirindelli, Toscanini, Brogi. Ha preparato inoltre per lei le orchestrazioni di concerti svoltisi sia in Europa che in Giappone.

Ha curato arrangiamenti e strumentazioni per varie orchestre, solisti e gruppi da camera italiani e stranieri. Appassionato cultore dell’Ottocento, ha raccolto molto materiale su questo periodo, con particolare attenzione al repertorio poco noto ed al genere della trascrizione in tutte le sue forme. Questa attività di ricerca e di studio lo ha portato nel 2001 ad essere tra i curatori della rassegna “Verdi ridotto”, svoltasi nel ridotto del Teatro Regio di Parma. Al termine del concerto è prevista una cena al ristorante Christian al costo di 25,00 euro; prenotazioni al numero 338.4484579 (Claudio Cioncolini).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.