Quantcast

“La macìara. Si possono guarire le mani”, spettacolo al Cantiere Simone Weil

Il 19 aprile  2015 (porta 21:00 – ingresso 21:15) va in scena presso il Cantiere Simone Weil (via Giordano Bruno 4) di Piacenza “La Macìara. Si possono guarire le mani” della compagnia Notterrante. 

Più informazioni su

Il 19 aprile  2015 (porta 21:00 – ingresso 21:15) va in scena presso il Cantiere Simone Weil (via Giordano Bruno 4) di Piacenza “La Macìara. Si possono guarire le mani” della compagnia Notterrante. 

Un tempo, neanche troppo lontano, in Basilicata, le donne si mettevano sull’uscio di casa e raccontavano storie ai bambini, alle altre donne e ai contadini che tornavano dai campi. Storie divertenti o macabre, che importava. Alla gente piaceva ascoltare. Oggi si è persa quest’abitudine. Le parole sono diventate suoni distratti che ci attraversano per caso, senza più il peso dell’emozione. 

Con “La macìara. Si possono guarire le mani?”, la compagnia Notterrante propone un racconto dalle atmosfere arcaiche, sull’ambigua figura della macìara, appellativo con cui venivano chiamate alcun donne considerate come delle streghe. La storia, scritta da Mariella Soldo, vuole andare al di là della tradizione e del cliché, cercando di recuperare il lato umano di questo personaggio popolare. Il racconto è ambientato in un villaggio immaginario della bassa Lucania, ai confini con la Puglia e a ridosso della seconda guerra mondiale. 
Maria non è una donna come le altre. Sul suo viso mai un tratto di esasperata femminilità. Il suo corpo ha l’odore delle terre arse e delle campagne desolate del sud. Un giorno sposa Rocco il pastore. Nascono due figli: Lucietta e Franceschino. 

Il testo scava nei sentimenti contraddittori di questi personaggi, cercando di sradicarli dalla propria terra e di andare nel profondo, senza l’ombra del giudizio o dell’analisi antropologica. Si scava anche nell’animo femminile e nella sua complessità, nei dolori soffocati di madri che non possono parlare, di figlie che non sanno ascoltare, ma anche di uomini che affogano nella terra e di bambini che subiscono violenze.

Un racconto di dolcezza e di brutalità fisica, di amore coniugale e incestuoso, di vendetta, di odio, di invidia, ma anche di bellezza. 
L’attrice Barbara De Palma dà vita, attraverso voci e canti popolari, a tutti i personaggi di questa storia. Lo spettacolo è in lingua italiana.

INGRESSO 10 EURO – SOCI E STUDENTI 8  EURO. 
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL 3338138033 – c.simoneweil@gmail.com
Info Notterrante 3475596088 – notterrante.wordpress.com

“Dicono in giro che io sono una macìara, una di quelle femmine che deve morire. Ma quando scendo dal letto e mi strappo dai sogni divento terra. Terra come tutti. Come voi. Incrostata, divento una donna”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.