Quantcast

La Via degli abati tra i nove percorsi a piedi più belli d’Italia

Si tratta di una selezione del portale Zinagarate.com di grandi itinerari italiani lungo le antiche vie della transumanza o lungo i cammini religiosi, i cammini storici e i percorsi più belli per chi vuole viaggiare a piedi in Italia

Più informazioni su

La Via degli abati è stata inserita tra i 9 percorsi a piedi più belli d’Italia dal noto portale Zingarate.com, punto di riferimento per i viaggiatori, soprattutto i più giovani. Si tratta di una selezione di grandi itinerari italiani lungo le antiche vie della transumanza o lungo i cammini religiosi, i cammini storici e i percorsi più belli per chi vuole viaggiare a piedi in Italia, che comprende anche la Via degli Dei (da Bologna a Firenze) e ovviamente la Via Francigena di Sigerico.

Da Bobbio a Pontremoli, verso Roma; la Via degli Abati è un itinerario altomedievale, dal 600 al 1000, che gli abati e religiosi del monastero di San Colombano di Bobbio percorrevano per raggiungere Roma. La Via degli Abati attraversa l’Appennino Tosco-emiliano, per un totale di 125 chilometri, includendo i quattro passi di Sella dei Generali, Linguadà, Santa Donna e Borgallo. Da Bobbio la via attraversa i territori dei Comuni di Coli, Farini, Bardi, Borgo Val di Taro, e giunge a Pontremoli, in Lunigiana, dove si innesta nella Via Francigena di Sigerico, seguendo testimonianze e segni di età medievale riscoprendo una zona di grande fascino storico, ambientale e artistico.

Storicamente era il 613 quando l’abate e santo irlandese Colombano fondò la celebre abbazia di Bobbio, poi centro europeo culturale e religioso, nonché grande studio scriptorium del Medioevo. Fu a quei tempi che la Via degli Abati venne utilizzata dai monaci per il raggiungimento di Roma, oltre che dagli ecclesiastici irlandesi in pellegrinaggio alla tomba di San Colombano, e per il trasporto e la distribuzione dei prodotti dai possedimenti monastici di San Colombano verso i territori piacentini, le Valli del Ceno e del Taro, e la Toscana.

LA VIA DEGLI ABATI L’antica Via degli Abati collega le medievali Bobbio e Pontremoli, proseguendo per Roma, facendosi largo tra i millenari boschi, le gole e i torrenti degli Appennini tra le province di Piacenza, Parma e Massa-Carrara. Innumerevoli i borghi, le chiese, le rocche e i luoghi rimasti immutati nel tempo, dove solo gli elementi naturali e l’abbandono dell’uomo hanno contribuito all’attuale fascino. Di notevole interesse storico e artistico, oltre al complesso abbaziale di Bobbio, sono il romanico Ponte Gobbo sul fiume Trebbia, importante corso d’acqua e silente testimone dell’epica battaglia che vide il condottiero Annibale vittorioso sulle truppe dell’Impero Romano, la longobarda rocca di Bardi, edificata su di un suggestivo sperone di diaspro rosso, gli eleganti palazzi rinascimentali e barocchi di Borgotaro e infine Pontremoli, antico centro medievale di traffici commerciali le cui alte torri e antichi ponti dominano le vallate della Lunigiana, culla e dimora di antiche civiltà.

Grazie all’applicazione e all’impegno di Giovanni Magistretti, studioso piacentino, la storia di questa importante via sta tornando alla ribalta; in vista di una valorizzazione e sistemazione opportuna, lo stesso Magistretti va via via incontrando i vari enti del territorio, piacentino e parmense, per discutere sulle possibilità di recupero di questo antico percorso che porterebbe a galla una parte importante della storia locale, senza considerare poi il cospicuo impatto turistico che potrebbe avere. Non solo Via Francigena, quindi, ecco che spunta allora un’alternativa, anche più umile, se si vuole, ma altrettanto ricca di spunti di riflessione, meritevole di essere conosciuta e valorizzata. Per questa via si potrebbe ritrovare un filo conduttore per spiegare i tanti perché, non del tutto risolti, della maggior parte delle costruzioni medievali presenti tutt’oggi davanti ai nostri occhi lungo il percorso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.