Rimesse degli immigrati, da Piacenza oltre 29milioni di euro all’estero

Complessivamente, secondo un'analisi del Centro Studi "ImpresaLavoro" su elaborazione di dati Bankitalia, dal 2005 al 2014 le rimesse dei lavoratori stranieri in Italia ai loro Paesi di origine hanno raggiunto la cifra di 59 miliardi e 266 milioni di euro

Più informazioni su

Ammontano a 29 milioni e 471mila euro i trasferimenti in denaro effettuati nel corso del 2014 dalla provincia di Piacenza da cittadini stranieri verso i loro paesi d’origine. Sono le cosidette “rimesse”, monitorate dalla Banca d’Italia come prevede la normativa: operazioni effettuate nelle banche, Poste Italiane S.p.A., istituti di moneta elettronica e istituti di pagamento che prestano il servizio di rimessa di denaro, che compendono transazioni economiche transfrontaliere tra due persone fisiche effettuate tramite un istituto di pagamento o altro intermediario autorizzato, senza transitare su conti di pagamento intestati all’ordinante o al beneficiario (regolamento in denaro contante).
 

Un dato impressionante, che si conferma in crescita dopo che nel 2012, per la prima volta dal 2005, si era registrata una flessione. Nel 2005 le rimesse ammontavano a 12 milioni e 784mila euro, poi passati a 20 milioni e 291mila (2006), 24 milioni e 125mila (2007), 25 milioni 380mila (2008), 26 milioni e 270 mila (2009), 28 milioni e 401mila (2010) e 30 milioni e 376mila euro (2011). Alla fine del 2012 un brusco calo (27 milioni e 459 mila euro), poi, negli ultimi due anni, i numeri sono tornati a salire: 28 milioni e 767 mila euro nel 2013, e, appunto 29 milioni e 471mila euro lo scorso anno.

Il paese con i maggiori trasferimenti dalla nostra provincia è la Romania (4 milioni e 491mila euro), seguito dall’Ecuador (3 milioni e 937mila euro) e dall’India (2milioni 384mila euro). Ingenti anche i trasferimenti effettuati verso il Marocco (2 milioni e 353mila euro), il Senegal (1 milione 965mila euro), l’Albania (1milione 530mila euro), l’Ucraina (1milione 345mila euro), e il Brasile (1milione 130mila euro).

Complessivamente, secondo un’analisi del Centro Studi “ImpresaLavoro” su elaborazione di dati Bankitalia, dal 2005 al 2014 le rimesse dei lavoratori stranieri in Italia ai loro Paesi di origine hanno raggiunto la cifra di 59 miliardi e 266 milioni di euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.