Quantcast

Un 25 aprile in piazza, tra storia, ricordo e musica: il programma

Sabato 25 aprile, nel 70° anniversario della Liberazione d’Italia, le celebrazioni istituzionali saranno aperte come sempre dal corteo delle autorità, delle associazioni combattentistiche e dei cittadini, con partenza dal Pubblico Passeggio, all’altezza del liceo scientifico Respighi, alle 10.

Più informazioni su

70° anniversario della Liberazione, la cerimonia istituzionale e le altre iniziative 

Sabato 25 aprile, nel 70° anniversario della Liberazione d’Italia, le celebrazioni istituzionali saranno aperte come sempre dal corteo delle autorità, delle associazioni combattentistiche e dei cittadini, con partenza dal Pubblico Passeggio, all’altezza del liceo scientifico Respighi, alle 10.

Percorrendo corso Vittorio Emanuele – con sosta al monumento ai Caduti della Resistenza di stradone Farnese, dove verrà deposta una corona d’alloro – il corteo accompagnato dalla Banda Ponchielli raggiungerà piazza Cavalli, dove alle 10.30 circa, dopo la deposizione delle corone d’alloro nel Sacrario dei Caduti, sotto i portici di Palazzo Gotico, si terranno gli interventi ufficiali del sindaco Paolo Dosi, del presidente provinciale Anpi Stefano Pronti e dell’onorevole Pier Luigi Bersani, oratore ufficiale della cerimonia. A seguire, saliranno sul palco tre studenti – Valentina Baldini dell’istituto Romagnosi, Maia Lihuen Seri del liceo Cassinari, Gian Marco Eva dell’Isii Marconi – in rappresentanza dei giovani che hanno partecipato, la scorsa settimana, al Viaggio della Memoria a Berlino e Ravensbruck.

Alle 11, nella basilica di San Francesco, sarà officiata la santa messa a suffragio dei Caduti.

Le iniziative proseguiranno, in piazza Cavalli, con il concerto collettivo, aperto a tutti coloro che desiderano partecipare, “Cento chitarre, mille voci per la Resistenza”. Alle 11.30, sempre da piazza Cavalli, partirà la marcia organizzata da Spi Cgil e Anpi, che terminerà in piazzale Genova facendo tappa ai monumenti commemorativi della città.

Nel pomeriggio, alla 16.30, in piazzetta Pescheria, Anpi proporrà la fiaba animata e il laboratorio creativo per bimbi e genitori “Storie di quotidiane resistenze”, mentre alle 18 piazzetta Mercanti sarà animata dalle musiche popolari della tradizione europea del gruppo “Mano Libera” e, dalle 18.30, dall’iniziativa di Anpi “Aperitivo resistente”.

Alle 21.30, in piazza Cavalli approderà il “Paranoia Domestica Tour” dei Punkreas, storica band italiana sulla scena da 25 anni.

L’intervento del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini

Settant’anni dalla fine della guerra. Settant’anni dalla Liberazione. Scritta così, con la maiuscola e senza altre parole che la accompagnino. Perché non ha bisogno di spiegazioni per essere compresa, ha invece bisogno di essere ricordata
 
Dobbiamo fare memoria. Dobbiamo celebrare quella pagina di storia che permise al nostro Paese di liberarsi dall’occupazione nazista, dalla dittatura fascista, dal dramma della guerra. Una storia fatta da tanti eroi spesso rimasti anonimi: donne e uomini che si sono battuti per la loro e per la nostra libertà. Mettendo a rischio o sacrificando la propria vita perché i diritti e i valori che oggi spesso tendiamo a considerare scontati, a partire da quello della libertà e della democrazia, fossero difesi e tramandati.
 
Impossibile citare tutti coloro che nella nostra regione, in questa Emilia-Romagna che è stata in prima linea nella lotta partigiana al nazifascismo, persero la vita. A queste vittime oggi sono intitolate strade, targhe, edifici e dedicati premi; ci sono i musei e anche i libri di storia a ricordarci ciò che di grandioso quelle persone hanno fatto. Ci sono partigiani e deportati sopravvissuti, che continuano a portare la propria preziosa testimonianza nelle scuole, affinché i giovani conoscano i fatti dalle parole di chi li ha vissuti.
 
Tutto questo è importante, ma forse non è sufficiente, perché il rischio dell’amnesia o del travisamento della verità è sempre dietro l’angolo. Troppe volte abbiamo assistito al tentativo di inquinare la realtà. Di quando in quando c’è qualcuno che prova a insinuare il dubbio, a reinterpretare i fatti, addirittura a negarne l’esistenza. Pensiamo alla Shoah, ma anche alla Resistenza.
 
Abbiamo quindi il dovere di ricordare e di celebrare il 25 aprile. Ma chi è impegnato nella politica e nelle Istituzioni ha qualche responsabilità in più, non si può fermare qui.
Per questo tra gli obiettivi del nostro mandato c’è la definizione di una legge per la promozione e la valorizzazione della memoria e dei luoghi della memoria. Vogliamo realizzare un progetto nazionale che metta in rete musei, luoghi, istituzioni, biblioteche e archivi che, in modo spesso precario e fragile, mantengono la cura del ricordo.
 
Vorremmo che il tributo che noi oggi rendiamo ai nostri soldati, a quelli delle truppe alleate, ai partigiani e alle partigiane impegnati nella Resistenza, agli Ebrei deportati anche dalle nostre terre e dalle nostre città, a tutti i cittadini che hanno lottato per la Liberazione, si trasformasse in qualcosa di più.
 
Tanti, troppi luoghi in Italia sono stati teatro di scontri ed eccidi efferati. Vorremmo che questi luoghi, dove soltanto durante la Seconda guerra mondiale persero la vita nel nostro Paese centinaia di migliaia di persone – senza contare i feriti, i mutilati, gli invalidi – fossero parte di un sistema museale unico e valorizzato con tutte le risorse e le forze possibili.
 
Il nostro Paese da quel 25 aprile di 70 anni fa che oggi festeggiamo vive in pace. Siamo talmente abituati a questa condizione da considerarla normale, dovuta. Eppure viviamo circondati dalle guerre.
 
Come ormai un anno fa disse Papa Francesco “Siamo di fronte a un conflitto globale, solo che si combatte a capitoli, a pezzetti”. E noi non possiamo ignorarlo, voltarci dall’altra parte, far finta che non esista perché non si consuma sul nostro territorio. Questa giornata è un tributo alla pace, e ci impegna a lavorare non solo oggi ma ogni giorno per difenderla, preservarla e tramandarne la cultura.  
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.