Quantcast

Al Museo di Storia Naturale scienza e arte per spiegare l’era glaciale

Durante il mese di maggio 2015 l’appuntamento per chi visiterà la mostra I Giganti dell’Era Glaciale - Piacenza nella Preistoria, oltre che con il pacifico “Dodo” e il temibile Smilodon - minacciosa tigre dai denti a sciabola - è nientemeno che con i due paleontologi che hanno curato l’allestimento della mostra

Più informazioni su

L’occasione è di quelle imperdibili per i giovani appassionati di paleontologia, e la location è suggestiva: il Museo Civico di Storia Naturale di Piacenza presso l’Urban Center.

Durante il mese di maggio 2015 l’appuntamento per chi visiterà la mostra I Giganti dell’Era Glaciale – Piacenza nella Preistoria, oltre che con il pacifico “Dodo” e il temibile Smilodon – minacciosa tigre dai denti a sciabola – è nientemeno che con i due paleontologi che hanno curato l’allestimento della mostra: Stefania Nosotti, presente all’Urban Center domenica 10 maggio 2015, e Simone Maganuco, che è anche ideatore del progetto Dinosauri in Carne e Ossa e che risponderà alle domande del pubblico domenica 17 maggio 2015.

Non a caso le due iniziative sono state battezzate dallo staff “Chiedi al Paleontologo!”, in onore al turbine di domande che letteralmente investe gli studiosi di volta in volta protagonisti; tra queste, immancabile quella dei bimbi che già sognano di avventurarsi nei siti più sperduti alla ricerca di tracce fossili: “Come si fa a diventare paleontologo?”.

Memorabili, fin dalla prima edizione della mostra, a Piacenza nella primavera 2011, alcuni quesiti estremamente “specialistici” rivolti ai paleontologi, riguardanti le più disparate e semi-sconosciute specie preistoriche; ancor più sorprendenti se si pensa che a pronunciarli sono in genere giovani ma competenti ricercatori in erba, che studiano la Preistoria alle Scuole Elementari.

E per chi si sente portato per l’arte, anzi, per la Paleoarte, la mostra I Giganti dell’Era Glaciale dedica ai piccoli aspiranti illustratori la giornata di domenica 31 maggio 2015, in cui l’ospite speciale sarà Loana Riboli, artista specializzata in tavole di soggetto scientifico, con il laboratorio “Tratti Primordiali”.

Cremasca, docente di educazione artistica, esperta in tutto ciò che riguarda l’iconografia del mondo preistorico, Loana Riboli è il tramite ideale tra i bimbi e la loro fantasia. Fantasia, scienza, arte, ingegno e tecnologia: questi gli ingredienti per costruire in grandezza naturale e render “più veri del vero” modelli di animali che popolarono la Terra in tempi così remoti da non riuscire ad immaginarli, anche, se, nel caso dell’Era Glaciale le varie specie – tra cui il possente Mammut, il Cervo Megacero, il Glyptodonte, il bradipo gigante Megalonyx – condivisero il territorio con un animale che ben conosciamo: l’Uomo, le cui origini si possono ripercorrere grazie alla riproduzione delle teste di Homo heidelbergensis e Homo neanderthalensis.

E per chi si chiedesse come era il territorio piacentino nella preistoria, ecco la sezione dedicata alla storia geologica e paleontologica locale a chiarire il quesito. Ma se non fosse sufficiente, allora sarà il caso di chiedere… al Paleontologo. Le due edizioni di “Chiedi al Paleontologo” con Stefania Nosotti e Simone Maganuco, e il laboratorio “Tratti Primordiali” con Loana Riboli si terranno presso il percorso della mostra, dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle 15 alle 17.30, rispettivamente nelle giornate di domenica 10 maggio, domenica 17 maggio e domenica 31 maggio 2015.

La partecipazione è gratuita, inclusa nel costo del biglietto d’ingresso, e rivolta a tutto il pubblico con speciale attenzione a bambini e ragazzi. La prenotazione non è necessaria. (Foto A. Giamborino)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.