Quantcast

Cultura e motori “inaugura” Expo e riporta in pista la Ferrari 125 foto

Appuntamento a Piacenza l'8, 9, 10 maggio con il finesettimana dedicato a Cultura e motori

Più informazioni su

Sala del consiglio affollatissima per la presentazione del fitto calendario dell’edizione 2015 “Cultura e motori”, in scena nel prossimo finesettimana a Piacenza.

Anche la manifestazione messa in campo da C.P.A.E (Club piacentino automotoveicoli d’epoca) e sede cittadina del Politecnico di Milano, “inaugura” l’Expo milanese facendo scendere in pista, nella rievocazione storica del circuito di Piacenza, la Ferrari 125, insieme a una selezione di quaranta vetture sport costruite entro il 1959.

Ricca la programmazione della tre giorni ( 8, 9 e 10 maggio) dedicata ai motori e alla loro storia, con esposizione di vetture italiane da competizione, incontri con tecnici e piloti e appuntamenti dedicati all’evoluzione e al futuro dell’automobile. 

CULTURA E MOTORI 2015 “Best of Italy”
Piacenza, 8-9 maggio 2015, POLITECNICO DI MILANO – SEDE DI PIACENZA
venerdì 8 maggio 2015 PARTECIPAZIONE LIBERA
Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione – Sede di Piacenza – Politecnico di Milano Via Scalabrini, 76 – Piacenza
dalle 9,00: Esposizione di vetture italiane da competizione

Ore 15,00: Gli uomini e le innovazioni che hanno reso grande il motorismo italiano nelle competizioni
– ing. Giorgio Stirano: I protagonisti… visti da vicino
– ing. Claudio Lombardi: L’evoluzione dei motori di Formula 1
– ing. Alfieri Maserati: Innovazioni tecniche nell’automobile: il contributo dei Fratelli Maserati

sabato 9 maggio 2015 – PARTECIPAZIONE LIBERA
Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione
Sede di Piacenza – Politecnico di Milano
Via Scalabrini, 76 – Piacenza

dalle 9 alle 15: Esposizione di vetture italiane da competizione
Ore 10,30: – Il Circuito di Piacenza – 11 maggio 1947. ing. Lorenzo Boscarelli – Storie di uomini, macchine e corse. Incontro con i tecnici e i piloti

Interverranno: Beppe Gabbiani, Emanuele Pirro, Bruno Giacomelli, Giorgio Stirano, Paolo Barilla, Patrizio Cantù, Antonio Ghini e altri protagonisti
Preludio al “Circuito di Piacenza”, ed alla “Vernasca Silver Flag” del prossimo giugno, Cultura e Motori è occasione significativa per un dialogo diretto con i protagonisti onde riscoprire vicende tecniche e umane, storiche e sportive legate all’automobilismo.

Sede degli incontri – venerdì 8 e sabato 9 maggio – è la Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione del Politecnico di Milano, sede di Piacenza, un segno eloquente di come una trama robusta leghi passato e futuro in campo tecnico. Allo stesso tempo la rassegna sottolinea come studio e conoscenza siano presìdi fondamentali nella tutela di un patrimonio storico e culturale.

Al centro del dibattito: “Best of Italy”, ovvero Gli uomini e le innovazioni che hanno reso grande il motorismo italiano nelle competizioni. Per raccontarli il CPAE ha coinvolto tecnici e piloti di particolare valore e successo. Venerdì pomeriggio interverranno tre ingegneri: Giorgio Stirano, formatosi in Osella ma con esperienze in Alfa Romeo, Opel, Forti Corse e in molti progetti innovativi, grande esperto di Dinamica del Veicolo; Claudio Lombardi, famoso progettista di motori vincenti, capace di lasciare un segno innovatore con la Ferrari in formula 1 e di garantire un contributo determinante a molti allori di Lancia nel Campionato Mondiale Rally e Aprilia in Superbyke; Alfieri Maserati, erede dei fondatori della Casa del tridente, con una lunga carriera nella ricerca ed oggi presidente della Commissione Cultura ASI e membro della commissione FIVA.

Sabato, invece, dopo una ricostruzione storica del Circuito di Piacenza del 1947 a cura di Lorenzo Boscarelli, presidente AISA, si aprirà la tavola rotonda Storie di uomini, macchine e corse. Incontro con i tecnici e i piloti con Beppe Gabbiani, Emanuele Pirro, Bruno Giacomelli, Giorgio Stirano, Paolo Barilla, Patrizio Cantù, Antonio Ghini.

Il tema, dunque, ripercorre un lungo periodo di storia della motorizzazione in Italia e dimostra quanto variegato sia stato il mondo dell’automobile anche al di fuori delle grandi Marche. L’esposizione nel cortile interno di auto da competizione – per tutta la durata di Cultura e Motori – affiancando Ferrari e Maserati a piccoli bolidi di piccola cilindrata vuole sottolineare in maniera tangibile la ricchezza di straordinarie iniziative tecniche realizzate ora da grandi costruttori ora da piccoli artigiani, meccanici o carrozzieri.

Accomuna questi percorsi progettuali e stilistici una concezione del veicolo sempre innovativa e l’ineguagliata abilità realizzativa, cardini di un’eccellenza che è caratteristica eloquente del Made in Italy.

Cultura e Motori è promosso dal Politecnico di Milano e dal CPAE Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca, in collaborazione con ASI Automotoclub Storico Italiano, Aisa – Associazione Italiana per la Storia dell’Automobile, Comune e Provincia di Piacenza, con il supporto di Camera di Commercio Piacenza, Cariparma Crédit Agricole, Fondazione Piacenza e Vigevano, TAG Heuer, COYS Europe, Errea Sport Point, MOTUL.

IL COMUNICATO UFFICIALE – RIEVOCAZIONE STORICA DEL CIRCUITO DI PIACENZA
In pista la Ferrari 125S e prestigiose vetture da competizione 11 maggio 1947: al “Circuito di Piacenza” si scrive una pagina importantissima della storia dell’automobile: guidata da Franco Cortese debutta la 125 S, prima vettura a marchio Ferrari. Nella classe di minor cilindrata esordiscono, invece, Elio Zagato e Nuccio Bertone, carrozzieri estrosi e geniali, artefici di un’eccellenza che è caratteristica eloquente del Made in Italy. 9 e 10 maggio 2015: In occasione dell’inizio di Expo 2015, il CPAE (Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca) riporta in pista la Ferrari 125 e le vetture protagoniste della gara in una edizione speciale del Circuito di Piacenza, riservata ad una selezione di quaranta vetture sport costruite entro il 1959.

Così, solo per due giorni, la 125 lascerà il Museo Ferrari di Maranello per riannodare i fili della storia e tagliare quel traguardo che un banale guasto alla pompa di alimentazione le negò proprio mentre stava dimostrando grandi doti tecniche e velocistiche. Accanto a lei le più celebri Ferrari sport a motore anteriore, frutto maturo di un percorso tecnico e sportivo iniziato proprio a Piacenza. Scenderanno in pista la 166 barchetta Touring, modello che consacrò il primato del Cavallino sui lunghi rettilinei di Le Mans e, in versione chiusa, sulle polverose strade della Mille Miglia. Ed ancora la 225 berlinetta, la poderosa 340 MM, ideata per correre l’estenuante Carrera messicana, l’aerodinamica 250 Scaglietti. Ed altre se ne aggiungeranno in un elenco che si arricchisce di giorno in giorno di modelli rari ed esclusivi, provenienti dalle grandi collezioni di tutto il mondo. Non mancheranno le rivali di un tempo, ad iniziare dalle Maserati e dalle gemelle OSCA, le Porsche, le Lotus e le Healey Silverstone.

Ed ancora animeranno la griglia di partenza le vetture di piccola cilindrata, creazioni del genio estroso di tanti piccoli artigiani che seppero trarre da semplici utilitarie vere auto da competizione. Stanguellini, Abarth, Siata, Giannini e molte altre marche testimoniano ancor oggi come la storia delle corse automobilistiche affondi le proprie radici nell’epopea delle leggendarie competizioni su strada -come il Circuito di Piacenza – che offrirono un severo banco di prova per il talento di tanti costruttori stimolandone la creatività e l’ambizione per più vasti traguardi. Il tracciato sarà lo stesso di un tempo: 3,3 kilometri dal Fàcsal, il viale che orna la sommità delle mura antiche rivolte a sud, allo Stradone Farnese.

Brevi allunghi e curve ampie per mettere alla prova piloti e motori. Per avere la possibilità di svolgere la rievocazione in maniera completa e sicura, il percorso verrà chiuso al traffico e preparato scenograficamente con l’istallazione di cartelloni pubblicitari d’epoca transenne lungo tutto il percorso e sarà installata sul Pubblico Passeggio, come nel 1947, una tribuna in grado di ospitare 200 persone. Inoltre lungo il circuito verranno posizionate alcune gigantografie tratte dal bellissimo servizio fotografico realizzato l’11 maggio del 47 durante la gara.

Due le manches in programma alle 17 di sabato 9 maggio ed alle 11 di domenica. Nessuna classifica cronometrica, perché quella che stata la ribalta dei campioni è oggi un’avventura da vivere con modalità opposte: non più una gara frenetica ma un concorso dinamico, un evento fatto di suoni, colori, odori e rombi da assaporare, vivere e custodire come esperienza culturale e sensibile. L’evento è promosso in collaborazione con Comune di Piacenza, Provincia di Piacenza, Camera di Commercio di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano e Piacenza per Expo. Sostengono l’evento Cariparma Crédit Agricole, Fondazione Piacenza Vigevano, TAG Heuer, COYS Europe, Errea Sport Point, MOTUL.

Venerdì 8 maggio e sabato 9 maggio – Esposizione vetture e conferenze sul Circuito di Piacenza nell’ambito di Cultura e Motori, presso la sede piacentina del Politecnico di Milano. Sabato 9 maggio: Rievocazione del Circuito di Piacenza Con la partecipazione di 40 auto da competizione costruite dal 1947 alla fine degli anni ’50: 13:30-15:00 Arrivo dei partecipanti al Palazzetto dello Sport. Esposizione vetture sul Pubblico Passeggio 13:30 -15:15 Registrazione dei partecipanti 15:15 -15:25 Spostamento delle vetture dal Pubblico Passeggio a Piazza Cavalli 15:25 -17:00 Display delle vetture in Piazza Cavalli 17:05 -17:15 Trasferimento sulla linea di Partenza del Circuito di Piacenza (Pubblico Passeggio) 17:15 -17:30 Preparazione vetture per le 2 sfilate 17:30 -18:05 Manche classe “Vetture fino a 1100 cc” 18:15 -18:50 Manche Classe “Vetture oltre 1100 cc” Tutte le vetture effettueranno 1 giro di preparazione, 6 giri di sfilata 1 giro di rallentamento 19:15 – Trasferimento delle vetture al parcheggio custodito di Palazzo Farnese. Domenica 10 Maggio 9:15 – 9:30 Trasferimento delle vetture da Palazzo Farnese al Pubblico Passeggio 11:00 -11:30 Manche Classe “Vetture fino a 1100 cc” 11:40 -12:15 Manche Classe “Vetture oltre 1100 cc” le vetture effettueranno 1 giro di preparazione, 6 giri di sfilata 1 giro di rallentamento Le vetture rimarranno esposte al pubblico sul rettilineo di partenza fino alle ore 15:30 Per ulteriori informazioni contattare la segreteria del C.P.A.E. tel: 0523/248930; email: info@cpae.it; sito internet: www.cpae.it

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.