Quantcast

Expo, Confapindustria: “Piazzetta Piacenza poco visibile, servono video wall” foto

La Piazzetta, a due passi dal Padiglione Italia - afferma Cristian Camisa - è in una posizione strategica. Ora lo spazio va riempito di eventi che comunichino le bellezze e le eccellenze del territorio"

Più informazioni su

“Lo spazio di Expo è impressionante. Piazzetta Piacenza, a due passi dal Padiglione Italia, è in una posizione strategica. Ora lo spazio di Piacenza va riempito di eventi che comunichino le bellezze e le eccellenze del territorio”. Lo ha affermato Cristian Camisa, presidente di Confapindustria Piacenza, in visita alla Zolla per la settimana di presentazione di Pomorete. Una Zolla che si trova di fronte al Paglione Italia e affiancata a uno dei padiglioni più importanti, quello del vino.

Ma Camisa ha anche sollevato il dubbio riguardo alla sistemazione della Piazzetta: “È di impatto, anche se sconta una visibilità ridotta. Lancio la proposta di sistemare due video wall dove far scorrere filmati o foto del territorio, dei prodotti tipici, delle bellezze in campo turistico e culturale”. “Oggi – continua Camisa – si è iniziato con uno dei progetti principe di Confapindustria: le reti d’impresa. E Pomorete è stata la prima avviata proprio con obiettivo Expo. Il fine è quello di aiutare le piccole e medie imprese a penetrare i mercati internazionali”.

INIZIA L’AVVENTURA DI POMORETE AD EXPO – Si è aperta ufficialmente l’avventura piacentina a Expo2015. Questa mattina, 4 maggio, a Piazzetta Piacenza, si è presentata Pomorete, la prima filiera italiana del pomodoro. Oltre a diverse aziende, erano presenti anche i vertici di Confapindustria, con il presidente Cristian Camisa e il direttore Andrea Paparo.

Il coordinatore della Rete, Gabriele Zanelli, ha presentato il Vivaio Giovani di Experience Pomorete sottolineando “la grande occasione che rappresenta Expo. La nostra Rete fa della qualità, della sicurezza e della sostenibilità i pilastri su cui sviluppare l’azione commerciale. Porteremo avanti il progetto i giovani perché è innegabile che il futuro sia nelle loro mani”. La giornata ha anche visto la presentazione della Silver Flag e di un’altra azienda piacentina, Vigorplant.

La prima impresa a presentarsi è stata Mts-Sandei, leader mondiale nella costruzione di macchine per la raccolta del pomodoro. Alessandro Chiusa, dell’ufficio commerciale ha spiegato con alcune slide la filosofia e la novità tecnologiche di Mts. Ha colpito alcuni spettatori il fatto che i cinesi abbiano cercato di riprodurre le macchine piacentine – ritenute le migliori al mondo – non riuscendoci. Naturalmente, Mts ha spiccato anche per l’elevata tecnologia di costruzione, il fatto che raggiunge numerosi Paesi in Europa e, soprattutto, vende molte macchine in Cina: 60 nel 2014.

Sotto la Zolla piacentina – realizzata dall’Ats Piacenza per Expo –  sono Naturalmente,  intervenuti anche i rappresentati di altre aziende della Rete: Carlo Manzella, Omce e Number 1. Il pomodoro, la sua lavorazione e la sua commercializzazione hanno catturato l’interesse di alcuni visitatori che hanno voluto conoscere da vicino una realtà così complessa. Ad abbellire lo stand alcune bottiglie di polpa Pomorete con un cartellino che riportava i principali punti del Protocollo sul cibo sano, sicuro e garantito.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.