Lega, Guidesi: “E’ ufficiale, Alfano ha tagliato la polizia postale di Piacenza”

Pisani: "Esecutivo sta dalla parte di clandestini, criminali e terroristi"

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo il comnunicato stampa della Lega Nord sulla chiusura della polizia postale di Piacenza

Il comunicato –  “Il destino della polizia postale di Piacenza è segnato, Alfano ne ha decretato la condanna a morte. L’ufficialità è contenuta nel piano tagli del ministero. Questo governo è sicario della sicurezza, sta sabotando ogni sistema di protezione dei cittadini”. Il deputato leghista Guido Guidesi, in possesso del piano ministeriale di razionalizzazione, annuncia “la triste notizia” del taglio del presidio piacentino, che si aggiunge a quello di decine di altri uffici in Emilia Romagna e che – solo a Piacenza – coinvolgerà sei agenti.  “Svuotacarceri, indulti mascherati, depenalizzazione di 157 reati, tagli alle forze dell’ordine: Renzi e Alfano sono nemici della sicurezza”.

Guidesi ricorda: “A 5 giorni dalla festa per il 163esimo anno dalla fondazione della polizia, Alfano riserva questo ‘regalo’ agli agenti. E’ il peggior ministro della storia”. E ricorda: “L’allarme terrorismo dilaga a due passi da casa nostra – come dimostra il recente arresto, nel milanese, di Abdel Majid Touil – e Alfano per tutta risposta depotenzia i controlli on line, ben sapendo che il proselitismo estremista corre sul web. Politiche suicide, folli e schizofreniche”.

“Questo governo taglia sulla pelle dei cittadini – protesta il presidente della Lega Emilia Pietro Pisani – , mentre sperpera miliardi di euro per l’accoglienza di lusso, che non ha niente di umanitario, riservata a migliaia di immigrati clandestini. Niente soldi per i nostri cittadini, ma per gli immigrati le risorse si trovano sempre. Così questo Esecutivo sta condannando i nostri cittadini all’insicurezza, scegliendo di stare dalla parte di clandestini e criminali e dimenticando chi questa terra l’ha fatta nascere e l’ha fatta crescere col proprio lavoro e con quello dei propri padri. La Lega Nord è rimasta l’unica forza politica che sta dalla parte delle forze dell’ordine e che ha a cuore la sicurezza dei piacentini”.

Forza Italia: “Decisione incomprensibile e inaccettabile”
“Grazie al piano tagli del governo, a firma di Alfano è stata decretata la condanna a morte di un servizio alla sicurezza sempre più indispensabile nell’era della tecnologia digitale”. E’ il commento della Segreteria Provinciale Forza Italia e del club Forza Silvio Città di Piacenza alla notizia del “taglio” della polizia postale di Piacenza.

“La rapida diffusione dell’uso di Internet – si legge in una nota – ha ben presto messo in evidenza i punti di debolezza della Rete stessa, in particolar modo con riferimento alla sicurezza informatica. È in questo scenario che nasce, con legge riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza, la polizia Postale e delle Comunicazioni, quale “specialità” della Polizia di Stato all’avanguardia nell’azione di prevenzione e contrasto della criminalità informatica e a garanzia dei valori costituzionali della segretezza della corrispondenza e della libertà di ogni forma di comunicazione”.

“E’ noto lo sforzo della Polizia Postale e delle Comunicazioni, non solo sul piano operativo e sono noti a tutti gli importanti risultati conseguiti, ma anche l’impegno nel continuo aggiornamento delle proprie conoscenze informatiche per fornire un’adeguata risposta alle sempre nuove frontiere tecnologiche della delinquenza. Da oggi tutto questo, pare non esisterà più, grazie ad un governo capace di sperperare risorse e incapace di razionalizzare la spesa, rendendoci tutti più insicuri e vulnerabili. Mai come di questi tempi è importante un controllo costante e continuo da parte di operatori specializzati della Polizia Postale, per quanto concerne la rete web e tutto ciò che in ogni momento circola on line”.

“Questa assurda decisione, se non sarà possibile revocarla o modificarla radicalmente, va nella direzione di creare le migliori condizioni per chi vuol delinquere, togliendo o comunque limitando al minimo le maggiori tutele e garanzie di sicurezza per chi vorrebbe vivere con serenità la propria vita”.

“Quindi riteniamo incomprensibile ed inaccettabile la decisione di sopprimere la Polizia Postale, e garantiamo, come Forza Italia, il nostro impegno, nelle sedi istituzionali, per cercare di far tornare sui suoi passi il Governo Renzi e il Ministro Alfano, quale responsabile operativo, in qualità di Ministro dell’Interno”. “Sarà nostro preciso impegno – concludono – verificare, qualora il piano ministeriale di cui si parla lasci ancora uno spazio di discussione, la possibilità di mantenere sempre operativa questa importante funzione di controllo che sino ad oggi la Polizia Postale ha egregiamente esercitato, a tutela di tutti i cittadini”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.