Quantcast

Legge per un fisco più equo, anche a Piacenza la raccolta firme Cisl

Mercoledì il banchetto sarà in Piazza Cavalli; si tratta di un momento di impegno della CISL piacentina inserito nell'ambito di un' intera settimana
di iniziativa a favore della proposta che a livello nazionale vuole essere sottoscritta da 2 milioni di italiani aventi diritto al voto

Più informazioni su

La Cisl scende in piazza anche a Piacenza con un banchetto per raccogliere le firme a sostegno della legge di iniziativa popolare per un fisco più equo e giusto. Mercoledì il banchetto sarà in Piazza Cavalli; si tratta di un momento di impegno della CISL piacentina inserito nell’ambito di un’ intera settimana
di iniziativa a favore della proposta che a livello nazionale vuole essere sottoscritta da 2 milioni di italiani aventi diritto al voto.

Sarà inoltre possibile firmare martedì 12 Maggio a Travo, mercoledì 13 a Piacenza presso il mercato cittadino, giovedì 14 a Fiorenzuola (sede Cisl) e Podenzano, venerdì 15 a Cortemaggiore e Monticelli. Da metà aprile è sempre possibile firmare come residenti in tutti i comuni della Provincia di Piacenza semplicemente recandosi presso la sede del proprio municipio negli orari di ufficio di apertura al pubblico (a Piacenza presso il Quic di Viale Beverora, 57).
 

LA PROPOSTA – I punti salienti della proposta: bonus fiscale di 1000 euro “per allargare il lavoro in parte avviato con gli 80 euro del Governo ampliando la platea”, un’imposta “sulla grande ricchezza netta”, la lotta all’evasione fiscale “adottando strumenti di contrasto di interesse a partire dai servizi” ed “un deciso taglio agli sprechi”. Un progetto per cui servirebbero 33-34 mld.

“Dieci sono già in finanziaria – spiega il Segretario generale della Cisl Annamaria Furlan – il resto si recupera con una lotta vera all’evasione, allargando i settori in cui utilizzare il contrasto di interessi e attraverso una piccola tassa sulla ricchezza, uno dei provvedimenti contenuti nel nostro progetto di legge”. E conclude: “non sarebbe male se si facesse quella spending review di cui si è tanto parlato ma fatto poco”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.