Piacenza e le sue bellezze a portata di App, diventa beta tester

Piacenza e il suo patrimonio artistico a portata di App. Sta per essere lanciata la nuova applicazione destinata ad essere un efficace strumento sia per i turisti di passaggio nella nostra città, sia per i piacentini che vorranno conoscere meglio i tesori che Piacenza offre.

Più informazioni su

Piacenza e il suo patrimonio artistico a portata di App. Sta per essere lanciata la nuova applicazione destinata ad essere un efficace strumento sia per i turisti di passaggio nella nostra città, sia per i piacentini che vorranno conoscere meglio i tesori che Piacenza offre.

La nuova App sarà disponibile negli store di Apple e Google entro fine di maggio, ma i cittadini interessati a diventare beta tester possono inviare una mail all’indirizzo app@comune.piacenza.it. 

SCARICA LA SCHEDA

La novità è stata presentata in Comune dagli assessori Katia Tarasconi e Tiziana Albasi, insieme a Aldo Pasinelli, responsabile dei sistemi informativi comunali e a Marco Boeri di Ultraviole, che ha messo a punto l’applicazione.

Il segretario comunale, Vincenzo Filippini, ha spiegato che la nuova app rappresenta solo un tassello dei lavoro svolto in vista di Expo sotto il punto di vista della promozione turistica, come il rifacimento della cartellonistica.

Ma quali servizi offrirà la nuova App? Potrà fornire percorsi di visita ai turisti, schede multimediali, multilingue e fruibili. Ai cittadini offrirà invece informazioni istituzionali, eventi, informazioni su uffici, mobilità e parcheggi etc…

Inoltre sarà possibile effettuare una visita guidata, interattiva e multimediale di tutte le sezioni del museo di palazzo Farnese, sfruttando la tecnologia iBeacons. La App comprende poi 129 punti di interesse sul territorio comunale (con schede).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.