Da Zerba a Cattolica lungo il Cammino dell’Eroe FOTO foto

Un lungo percorso di 670 chilometri da Zerba, in provincia di Piacenza, a Cattolica. Un lungo sentiero che, salendo e scendendo dall'Appennino, collega il punto più a Ovest con quello più a Est dell'Emilia-Romagna. 

Più informazioni su

Un lungo percorso di 670 chilometri da Zerba, in provincia di Piacenza, a Cattolica. Un lungo sentiero che, salendo e scendendo dall’Appennino, collega il punto più a Ovest con quello più a Est dell’Emilia-Romagna. Tre anni fa, un gruppo di amici guidato dal comandante della Forestale di Rimini Aldo Terzi, ha avuto l’idea del Cammino dell’ EROE (Emilia Romagna da Ovest a Est).

I camminatori era già dal 2005 che trascorrevano il ponte del 2 giugno in lunghe camminate. L’idea dell’ EROE ha dato loro un riferimento e un obiettivo che con determinazione hanno portato avanti nel corso di questi anni; così, sotto il sole o la pioggia, sotto o sopra la neve, al buio, nella nebbia, all’alba, al tramonto, insomma in ogni condizione meteo, i camminatori (quasi sempre piDa Zeerù di venti per la gioia di ristoratori e rifugi) si sono sciroppati, zaino in spalla, un dislivello in salita di quasi 30 mila metri con percorsi giornalieri anche di più di 30 chilometri. 

Il percorso è stato tracciato collegando tra loro sentieri già esistenti, per gran parte lungo le direttrici principali dell’Alta via dei parchi e del Sentiero CAI 00 dell’Emilia-Romagna. Il cammino è stato completamente mappato con GPS e le tracce saranno messe a disposizione gratuitamente di altri camminatori che vorranno provare l’esperienza.

“Esiste quindi una nuova via da percorrere a piedi”, prosegue Terzi, “che corre quasi parallela alla via Emilia ma che è spostata sulle montagne dell’Appennino là dove è conservata la più antica e autentica memoria storica, genetica e ambientale del nostro territorio regionale. “Lo spirito alla base di questa avventura”, conclude il comandante, “è ben sintetizzato nella frase dell’amico romanziere e camminatore Enrico Brizzi: solo se hai guadagnato la meta a passo d’uomo, nutrendoti di fatica e meraviglia un giorno dopo l’altro, puoi dire a buon diritto: questa terra è la mia terra. Ed è stato proprio così. Alla fine la nostra terra ci è entrata dentro… l’abbiamo sentita pulsare sotto i nostri passi, abbiamo ascoltato i racconti della sua gente, abbiamo condiviso la pioggia, il sole e il fango. Alcuni ritengono che quella linea che unisce l’Emilia con la Romagna nella denominazione trascritta in Costituzione sia un semplice trattino… Noi invece pensiamo che quel trattino sia il Cammino dell’Eroe”. 

Martedì 2 Giugno a Cattolica in conclusione della 30sima tappa del percorso, i camminatori sono stati ricevuti dalle autorità locali  e alla presenza dell’ Assessore Regionale Paola Gazzolo e dei Sindaci Stefano Giannini di Misano, Piero Cecchini di Cattolica e Claudia Borrè  di Zerba si e’ proceduto alla posa di una targa ricordo in Piazza del Tramonto che e’ la punta più ad est della nostra regione, inizio simbolico del cammino del EROE.

“Per noi si tratta di un percorso di promozione importante che può portare a una valorizzazione dei nostri piccoli territori dell’ Appennino particolarmente suggestiva per gli appassionati di trekking e camminate” ha detto il sindaco Borrè.

“Questi “eroi” hanno visitato le nostre piccole realtà, ascoltando le storie, raccogliendo testimonianze, non si sono limitati a guardare al percorso solo dal punto di vista agonistico ma hanno unito con la loro curiosità e la passione gli abitanti che dalle nostre montagne possono scorgere il Mar Ligure con quelli dell Adriatico a simboleggiare  l’unità e la fierezza di appartenenza della popolazione alla nostra bella regione.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.