Quantcast

Nucleare, Battaglia (Caorso) “Estenuante ritardo sul deposito scorie”

Comunicato stampa del sindaco di Caorso Roberta Battaglia in merito al deposito delle scorie nucleari. 

Più informazioni su

Comunicato stampa del sindaco di Caorso Roberta Battaglia in merito al deposito delle scorie nucleari. 

Piacenza – “L’attesa sull’individuazione del deposito di scorie nucleari è estenuante, la pazienza dei nostri territori è finita”. Il sindaco di Caorso Roberta Battaglia “suona la sveglia” ai ministeri, a pochi giorni dalla consegna della mappa aggiornata, ancora top secret, per l’individuazione delle aree di stoccaggio del materiale radioattivo. 

“A distanza di 18 anni, e dopo l’ennesima melina elettorale, ancora tutto tace sul fronte della localizzazione del deposito nazionale di scorie radioattive”. “Sogin ha consegnato la mappa a Ispra, ma dai ministeri ancora non si proferisce parola sul tema. Le indiscrezioni emerse su Sicilia e Sardegna hanno già provocato accese alzate di scudi. E questo non stupisce: la secretazione totale dei passaggi e la mancanza assoluta di trasparenza e di un dialogo con i territori non può che scatenare rivolte”. 

“Caorso ha già dato e in Regione due risoluzioni approvate all’unanimità hanno confermato l’indisponibilità del territorio emiliano romagnolo ad ospitare il deposito. Fermo restando questo ‘punto fisso e imprescindibile’, il deposito nucleare è indispensabile per ospitare le scorie disseminate nel Paese ed è  inaccettabile che un governo che ama dipingersi come decisionista – tanto da arrivare ad approvare anche una legge elettorale a suon di fiducia – tergiversi su un tema così importante”. 

“A Caorso abbiamo già patito troppi ritardi sul decommissioning, ora vogliamo una garanzia pubblica sul cronoprogramma di dismissioni già stabilito, per ridare finalmente ai caorsani un’area utilizzabile e libera, in tempi decenti. Chiediamo inoltre che siano previsti investimenti nella scuola di radio protezione, che è unica in Italia e fonte di attrazione e occupazione per l’intero territorio. Giorno per giorno seguiamo ogni sviluppo: staremo col ‘fiato sul collo’ di Governo, Regione e Sogin. L’Italia sta morendo di ritardi”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.