Quantcast

Vasco Errani, Cassazione annulla condanna. Processo da rifare

"Oggi è un bel giorno per me - ha scritto Errani sulla propria pagina Facebook -. Si è ristabilita la verità che aveva pronunciato il giudizio di primo grado e si ricomincia da lì con serenità e fiducia"

Più informazioni su

La Cassazione ha annullato con rinvio alla Corte d’Appello di Bologna, per nuovo esame, la condanna ad un anno di reclusione per falso ideologico nei confronti dell’ex governatore dell’Emilia-Romagna Vasco Errani. Processo bis anche per Filomena Terzini e Valtiero Mazzotti, dirigenti regionali.

Sono stati in buona parte accolti i motivi di ricorso delle difese. Nella requisitoria il sostituto procuratore aveva chiesto il proscioglimento per i tre imputati in questo filone di Terremerse. “Oggi è un bel giorno per me – ha scritto Errani sulla propria pagina Facebook -. Si è ristabilita la verità che aveva pronunciato il giudizio di primo grado e si ricomincia da lì con serenità e fiducia. Ringrazio le tante persone che in questi mesi mi sono state vicine confermandomi la loro stima”.

E’ stato un anno difficilissimo, molto doloroso prima di tutto sul piano umano ed ho pagato un prezzo altissimo, ma non ho sassolini nelle scarpe da togliermi e non ho rimpianti. Sono orgoglioso per come ho servito negli anni la cosa pubblica e la Regione Emilia-Romagna e lo sono ancora di più per avere, nel momento più difficile della mia vita politica, messo il rispetto e l’onore delle istituzioni avanti ad ogni altra ragione. Per me questo è un valore irrinunciabile che si deve ai cittadini e che non può mai venire meno. Ora passerò qualche giornata tranquilla con la mia famiglia”.

Il Pd piacentino: “Un bel giorno per Errani e per il Pd dell’Emilia-Romagna”
Questo è un bel giorno per Vasco Errani ed un bel giorno per il PD dell’Emilia Romagna perché l’annullamento da parte della Cassazione della condanna in secondo grado di Vasco Errani fa piazza pulita delle nubi che si erano ingiustamente addensate sull’onore e sulla credibilità dei vertici del Partito Democratico della nostra Regione”.

Lo afferma in una nota il segretario provinciale del Pd Loris Caragnano. “Il rinvio alla Corte d’appello di Bologna – scrive Caragnano – dimostra che fra la sentenza di assoluzione in primo grado e quella di condanna in secondo grado, l’impianto dell’assoluzione è l’unico che è stato confermato. Il percorso giudiziario non è ancora finito e ne siamo consapevoli, ma Vasco Errani potrà affrontare i prossimi dibattimenti con la serenità di chi sa di poter fare chiarezza e nella consapevolezza che la Giustizia ha gli strumenti per far emergere la verità”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.