Quantcast

“Avvocatura comunale efficiente, il personale costa 430mila euro”

E' nelle parole del sindaco di Piacenza Paolo Dosi il significato della conferenza stampa convocata in municipio nella mattina del 16 luglio.

Più informazioni su

“Fare chiarezza sulla gestione e i costi dell’avvocatura comunale, dopo le notizie emerse in discussione di bilancio, oltre al contenzioso, se così vogliamo riferirlo, tra il Comune e il dottor Mangiarotti per la selezione di una posizione dirigenziale“. E’ nelle parole del sindaco di Piacenza Paolo Dosi il significato della conferenza stampa convocata in municipio nella mattina del 16 luglio.

‘I costi riportati durante il dibattito e riguardanti l’avvocatura non sono corretti” continua Dosi.

Prende la parola l’assessore al bilancio Luigi Gazzola: l’ufficio legale è stato istituito nel 1998 dell’allora sindaco Guidotti perché avrebbe consentito un risparmio rispetto all’affidarsi a legali esterni allora la spesa ammontava a un miliardo di vecchie lire. Ora l’ufficio legale comunale difende l’ente in tutte le sedi di giudizio, da pareri legali, gestisce le polizze assicurative ecc…nel 2014 sono state seguite 178 cause, nel primo semestre 2015 sono state 66, nel 2014 sono arrivate 32 pronunce, di cui 27 favorevoli e 5 sfavorevoli, nel primo semestre 2015 sono state emesse 17 sentenze, di cui 14 favorevoli all’ente e 3 sfavorevoli. Risultati che dimostrano l’efficacia del nostro ufficio legale’.

“Non è vero che il nostro ufficio legale – continua l’assessore Luigi Gazzola – ci costa un un milione e 600 mila euro, il costo per le spese del personale ammonta il 430 mila euro. Nella voce elencata rientrano poi spese che nulla hanno a che vedere con i contenziosi, come le spese sostenute per il tribunale e il giudice di pace: luce, riscaldamento, telefonia, sicurezza, pulizia e assicurazioni, oltre alle spese comunali per polizze assicurative, libri e riveste del Comune. Si è parlato di una cuoca, in realtà è una dipendente che per problemi di salute non può più svolgere la sua mansione ed è per questo che è stata spostata tra i messi comunali”.

Sul concorso per una posizione dirigenziale contestato da uno dei partecipanti, oggetto di una conferenza stampa dei consiglieri del M5s, è stato precisato: “Nel 2012 è stata indetta una selezione per l’incarico di dirigente a tempo determinato della direzione operativa risorse. Procedura che si è conclusa con la scelta del dottor Giuseppe Morsia, con il dottor Mangiarotti secondo. Da qui è partito un lungo contenzioso legale. In questo caso è stato affidato un incarico a un avvocato esterno, Umberto Fantigrossi, a cui è stato mandato di proseguire con i passi legali necessari (il costo dell’incarico 8 mila e 500 euro). Il dottor Morsia non è stato sospeso e continua a gestire le sue funzioni”.

Le precisazioni del Comune

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.