Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

Film Festival Concorto: innovazione è la parola d’ordine foto

Dall'Afghanistan agli Stati Uniti, passando per Australia, Brasile, Russia, Libano, Ecuador: arrivano da 26 diverse nazioni del mondo i 57 titoli che si contendono la14esima edizione del Concorto Film Festival

Più informazioni su

In questa estate torrida, il territorio di Piacenza non smette di stupire e il Film Festival Concorto si unisce a questo stupore.

Dall’Afghanistan agli Stati Uniti, passando per Australia, Brasile, Russia, Libano, Ecuador: arrivano da 26 diverse nazioni del mondo i 57 titoli che si contendono la14esima edizione del Concorto Film Festival. La rassegna dedicata al cortometraggio torna al Parco Raggio di Pontenure e nella vicina Piacenza dal 22 al 29 agosto, ospitando, come vuole la tradizione di Concorto, cineasti affermati e produzioni importanti. La serata finale si terrà in via eccezionale a Palazzo Farnese.

Innovazione è la parola d’ordine di questa edizione, per questo Claudia Praolini, storica direttrice artistica del Festival, afferma: “ Il lavoro che c’è dietro alla scelta dei numerosi prodotti che arrivano a Concorto è entusiasmante e allo stesso tempo molto difficile. I prodotti di qualità ricevuti negli ultimi anni sono effettivamente tantissimi. Nelle ultime edizioni ci siamo concentrati ovviamente sulla qualità, ma ,soprattutto, sull’innovazione del linguaggio. A parità di qualità spesso nella nostra selezione entrano prodotti più “sperimentali” dove si sperimentano tecniche e linguaggi nuovi. D’altronde il cortometraggio è per definizione un prodotto dove gli autori possono sbizzarrirsi scegliendo le tematiche e come realizzare il proprio prodotto. Quindi, noi andiamo senz’altro in questa direzione, la direzione dell’innovazione.”

Il fascino immutato del cortometraggio colpisce soprattutto i giovani, coinvolti anche nelle numerose iniziative collaterali che arricchiscono l’edizione di quest’anno.Tali iniziative non riguardano solo il cinema, ma anche la fotografia, la musica e l’arte multimediale.

Quest’anno decide di sostenere il Festival anche la Fondazione mettendosi a fianco di Concorto come partner. Tra le location, che in questa 14esima edizione risultano molto interessanti, troviamo, infatti, anche Palazzo Enel, messo a disposizione proprio dalla Fondazione. L’edificio, rimasto chiuso per diversi anni, finalmente rivive ospitando attrazioni dedicate esclusivamente all’arte contemporanea: spettacoli musicali, mostre fotografiche e tanto altro.

Alla conferenza sono intervenuti:
l’assessore comunale Giulia Piroli, il consigliere provinciale Stefano Perrucci, il consigliere della Fondazione Giorgio Milani, il presidente della Fondazione Massimo Toscani, Claudia Praolini e Francesco Barbieri di Concorto e il sindaco di Pontenure Manola Gruppi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.