Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Cattolica, lavorare e studiare è possibile

Tra Jobs Act, riforme e proteste, il lavoro è senz’altro uno dei temi caldi per i giovani italiani. L’attenzione che Educatt dedica agli studenti dell’Università Cattolica passa anche da qui.

Più informazioni su

Tra Jobs Act, riforme e proteste, il lavoro è senz’altro uno dei temi caldi per i giovani italiani. L’attenzione che Educatt dedica agli studenti dell’Università Cattolica passa anche da qui.

Attraverso una gamma di possibilità molto ampia e tipologie di contratto studiate appositamente per favorire la conciliazione studio-lavoro, ogni anno la Fondazione per il Diritto allo studio dà la possibilità a un numero, sempre crescente, di studenti di fare esperienze lavorative.

Nel 2014 una novantina di studenti, con diverse mansioni e varie modalità di collaborazione – una quarantina con lavoro a tempo parziale (le 200 ore previste dagli articoli 11 e 24 del D.Lgs. del 29 marzo 2012), circa venti tra stage retribuiti e lavori su progetti specifici, e circa un trentina con la formula Student Work (www.cattolicanews.it/news-dalle-sedi-lavoro-arriva-il-tempo-determinato-in- ateneo) – hanno avuto la possibilità di fare esperienze in ambiti anche affini ai loro percorsi formativi all’interno dei vari settori di Educatt: dal prestito libri alla produzione editoriale, dalla ristorazione all’audit, fino alla collaborazione, in alcuni casi, per progetti particolarmente importanti come la redazione del Bilancio di Missione della Fondazione.

Si tratta di un’apertura che non fa bene soltanto agli studenti: mantenere vivo e vitale il contatto con i giovani, partecipare al loro percorso formativo e, spesso, incoraggiare i giovani talenti è da sempre uno degli obiettivi principali del Diritto allo studio. Per approfondimenti sul progetto Student Work e per presentare la propria candidatura: www.educatt.it/swe.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.