PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gropparello celebra la Liberazione, tanti appuntamenti nel week end

Quest'anno, in occasione del 70° anniversario della Liberazione, il paese ospiterà "Aria di libertà'", spettacolo di teatro-canzone in cui il drammaturgo e cantautore Gian Piero Alloisio sarà accompagnato alle chitarre da Gianni Martini, storico chitarrista di Giorgio Gaber

Più informazioni su

8 agosto 1944 – Gropparello Liberata – 8 e 9 Agosto 2015

Gropparello celebra la Liberazione del paese con l’annuale evento in programma sabato 8 e domenica 9 agosto. L’appuntamento, giunto alla quarta edizione e organizzato dal Comune di Gropparello in collaborazione con il Museo della Resistenza Piacentina e la Sezione ANPI Gropparello/Carpaneto, si terrà, come da tradizione, nel cortile dell’ex-asilo Gandolfi a partire dalle ore 19,30. Quest’anno, in occasione del 70° anniversario della Liberazione, Gropparello ospiterà “Aria di libertà‘”, spettacolo conosciuto a livello nazionale di teatro-canzone in cui il drammaturgo e cantautore Gian Piero Alloisio sarà accompagnato alle chitarre da Gianni Martini, storico chitarrista di Giorgio Gaber. 

Lo spettacolo racconta la storia del giovanissimo partigiano “Aria” che si svolge tra Liguria e Piemonte, tra montagne e colline non così diverse da quelle della nostra provincia.

Prima di assaporare la storia di “Aria”, spazio al progetto “8 Agosto 1944” che ha ottenuto la concessione del logo “Settantesimo della Resistenza”, riconosciuta dalla Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana ai progetti che trasmettono i significati profondi della Resistenza. Quest’anno il Prof. Federico Battistutta della Scuola Media “E. Marenghi” di Gropparello illustrerà il Progetto didattico triennale in cui sono impegnati i ragazzi della sua classe.

La serata proseguirà con la presentazione del volume “Memorie Resistenti: le donne raccontano la Resistenza nel piacentino”, di Iara Meloni. Un lavoro nuovo, di una giovane storica, che guarda a quegli anni con gli occhi delle donne, restituendoci quel mondo, la guerra e la Resistenza, da una prospettiva particolare. Una ricerca basata su testimonianze dirette, e tra queste troviamo diverse donne di Gropparello e dintorni.

Dalle 19.30 sarà possibile, inoltre, visitare l’originale mostra fotografica che sarà incentrata sugli IMI, gli Internati Militari Italiani, imprigionati dai nazisti dopo l’8 settembre del 1943 e deportati in Germania. Racconterà le storie e i numeri dei gropparellesi coinvolti in quella tragedia nazionale. Più di 800.000 italiani subirono quel destino.

Ma non finisce qui: domenica 9 agosto, come ogni anno, la camminata “Sui sentieri del Pip” attraverso un percorso con partenza dalla frazione di Groppovisdomo (appuntamento ore 16.30). Un anello che dopo aver toccato Montechino, con tappa nei pressi del castello, riporterà alla partenza (arrivo previsto ore 19.30) dove ci si potrà ristorare con una “merenda  partigiana”. Il tutto in collaborazione con “Pro Loco Groppovisdomo”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.