Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

“Ho chiesto agli sceneggiatori di darmi C’era una volta in America.” foto

Successo a Bobbio per Daniele Ciprì e la sua grottesca filosofia del diritto.

Più informazioni su

“Ho chiesto agli sceneggiatori di darmi C’era una volta in America.”

Successo a Bobbio per Daniele Ciprì e la sua grottesca filosofia del diritto.

Le infinite buche delle strade romane, predilette dal suo cane, i falsi invalidi visti a Napoli, il tema dell’amicizia tradita e una grande nostalgia del cinema del passato. Questi i primi motivi ispiratori di Daniele Ciprì, regista di “La buca”, proiettato ieri con grande presenza e consenso di pubblico nell’ambito del Bobbio Film Festival.

Ciprì a Bobbio è di casa: direttore della fotografia di Marco Bellocchio, oltre che di altri importanti registi italiani, e quest’anno anche Direttore del corso di alta formazione cinematografica “Fare cinema” che prosegue fino al 15 agosto nel comune della Valtrebbia. Di questa pellicola è regista e co-sceneggiatore, oltre che direttore della fotografia.

L’incontro tra un cane randagio, che avrà il nome di Internazionale, Oscar, un avvocato che vive di piccole truffe (Sergio Castellitto), e Armando, appena uscito dal carcere dove ha scontato senza colpa 27 anni di pena (Rocco Papaleo), è il pretesto per un omaggio allo straordinario cinema del passato, da Sergio Leone a Billy Wilder, passando per Frank Capra. Curatissime le ambientazioni interne, anch’esse a loro modo protagoniste di questo “cartone animato” fatto di persone.

Al centro della trama, la riapertura del processo per provare l’innocenza di Armando e intascare il risarcimento; il tutto con una visione grottesca dei riti della giustizia e una recitazione clownesca in cui Castellitto si rivela estremamente disinvolto e credibile. Nel cast, anche Valeria Bruni Tedeschi. In tutto, tre registri in scena, come ha sottolineato lo stesso Ciprì, durante il dibattito, raccontando la grande complicità che si è creata nel cast durante le fasi di lavorazione e rivelando al pubblico con divertita autoironia la sua paura per gli incontri con i critici cinematografici.

Il Bobbio Film Festival prosegue ogni sera fino a Ferragosto nei Chiostri di San Colombano. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.