Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

L’omaggio a “I pugni in tasca” chiude il Festival di Bobbio

La pellicola, restaurata dalla Cineteca di Bologna con il contributo fra gli altri dello stilista Giorgio Armani, è stata presentata ieri sera, a cinquant'anni dalla prima proiezione, alla 68esima edizione del Festival del Film di Locarno

Più informazioni su

Serata di chiusura sabato per il Bobbio Film Festival, la rassegna che per 15 giorni ha animato il borgo della Val Trebbia. Protagonisti saranno il regista piacentino Marco Bellocchio e il suo lungometraggio d’esordio “I pugni in tasca”, girato proprio tra Bobbio e Piacenza.

La pellicola, restaurata dalla Cineteca di Bologna con il contributo fra gli altri dello stilista Giorgio Armani, è stata presentata venerdì sera, a cinquant’anni dalla prima proiezione, alla 68esima edizione del Festival del Film di Locarno.

Al chiostro di San Colombano saranno presenti lo stesso Bellocchio, direttore artistico del Film Festival e alcuni attori del cast. In apertura di serata spazio alle premiazioni della rassegna.

SCHEDA FILM

I PUGNI IN TASCA – VERSIONE RESTAURATA DALLA CINETECA DI BOLOGNA
Italia, 1965
Regia Marco Bellocchio
Sceneggiatura Marco Bellocchio

con
Lou Castel, Paola Pitagora, Marino Masé, Liliana Gerace

Fotografia Alberto Marrama
Montaggio Silvano Agosti
Scenografia Rosa Sala
Costumi Gisella Longo
Musica Ennio Morricone

TRAMA – In una inerte provincia piacentina quattro fratelli vivono con la madre cieca in una vecchia villa. Augusto, il maggiore, conduce una vita normale anche se ipocrita e triste, Leone è handicappato, Ale soffre di epilessia ed è molto legato a Giulia, che ha una particolare predilezione per Augusto. Ale progetta di eliminare i familiari facendoli precipitare con l’automobile in una scarpata, ma il giorno in cui decide di attuare il suo disegno viene distolto dall’eccitazione per la guida. Le ristrettezze economiche e la passività di Augusto, che oppone agli entusiasmi di Ale l’infermità della madre, ostacolano la realizzazione dei suoi sogni e lo inducono a eliminare almeno quest’ultima.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.