Via Capra, al posto dei vigili un nuovo centro giovanile

Un nuovo centro per le famiglie, l’avvio dello Spazio “Belleville” e il potenziamento delle attività dei centri di aggregazione giovanile Spazio4 e Spazio2. Sono le linee guida del progetto “Il Quartiere Roma in movimento

Più informazioni su

Un nuovo centro per le famiglie, l’avvio dello Spazio “Belleville” e il potenziamento delle attività dei centri di aggregazione giovanile Spazio4 e Spazio2. Sono le linee guida del progetto “Il Quartiere Roma in movimento” varato dall’Amministrazione comunale nell’ambito degli interventi promossi nel quartiere per “favorire la convivenza e l’integrazione tra vecchi e nuovi residenti e cittadini, aumentare la sicurezza e migliorare la qualità della vita”.

L’iniziativa, presentata dagli assessori Giulia Piroli e Stefano Cugini insieme al dirigente comunale Giuseppe Magistrali, del costo stimato di 65mila euro, è stata finanziata dalla Regione Emilia-Romagna con 45mila e 500 euro. “Una dimostrazione – sottolinea Cugini – che il Comune non ha giocato in difesa, ma anche in tempi di ristrettezze economiche ha cercato risorse e le ha trovate”.

CENTRO FAMIGLIE – Il nuovo centro per le famiglie, richiesto con forza dai residenti della zona, sorgerà a fine settembre in via Torricella: rivolto principalmente alle famiglie con figli da 0 a 18 anni, si porrà come punto d’incontro per tutti, in cui esplicitare bisogni, chiedere informazioni, confrontarsi con altre famiglie e con gli operatori. Fra le attività previste, quella di uno spazio educativo extra scolastico organizzato presso la scuola Alberoni, che ha già garantito la disponibilità degli spazi.

“SPAZIO BELLEVILLE” – Sorgerà invece in via Capra, nei locali finora occupati dal presidio della polizia municipale, il nuovo Spazio “Belleville”, che nasce dalle esperienze del Centro di aggregazione giovanile Kaprasquare e Centro interculturale comunale, già punto di riferimento per ragazzi, adulti singoli e associazioni soprattutto di stranieri. Tante le attività previste, dai laboratori artistici, ai corsi di lingua e di cultura, agli incontri di gruppo per genitori. “Abbiamo poi pensato di attivare – ha sottolineato l’assessore Piroli – gruppi di studio quotidiani per studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, insieme a laboratori di orientamento scolastico, in vista delle scelte di prosecuzione degli studi, e professionale”.

SPAZIO4 E SPAZIO2 – Nuova linfa anche per i centri di aggregazione Spazio4 e Spazio2. Il primo ha la necessità di risorse per rinnovare gli arredi degli spazi ludici e di atelier, e vedrà lo sviluppo di attività legate al videomaking; per Spazio2 è nata invece la proposta di realizzare una sorta di Palestra della creatività in cui poter costruire forme di coworking, progettazione e training nell’ambito delle discipline artistiche e artigianali, come per esempio fotografia, scultura, promozione enogastronomia, sartoria di costumi teatrali.

“Si tratta di interventi concreti – ha concluso Piroli -, con un lavoro in rete tra diversi centri per potenziare servizi esistenti ed attivarne di nuovi, che testimoniano la volontà di questa Amministrazione di investire sui giovani”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.