Quantcast

Calcio in faccia alla partita Allievi, cinque anni di squalifica

Non potrà tornare in campo per cinque anni il 15enne calciatore della Turris colpevole di aver colpito con un calcio al volto un avversario in quel momento a terra. Il fatto è accaduto venerdì scorso nel corso della sfida tra Turris e Borgonovese della categoria Allievi

Non potrà tornare in campo per cinque anni il 15enne calciatore della Turris rsponsabile di aver colpito con un calcio al volto un avversario in quel momento a terra. Il fatto è accaduto venerdì scorso nel corso della sfida tra Turris e Borgonovese della categoria Allievi, conclusa dopo l’intervento della polizia.

Secondo quanto ricostruito dal giudice sportivo sulla base del referto dell’arbitro, tutto è accaduto dopo un rigore fallito dalla vittima, “deriso e sbeffeggiato” da un avversario – si legge nel comunicato ufficiale della Figc. Quest’ultimo, a sua volta, “veniva spintonato, con fare minaccioso” dal rigorista.

Un altro giocatore della Turris interveniva quindi a difesa del compagno “insultando pesantemente” il giovane che aveva appena calciato dal dischetto, il quale, “nonostante venisse trattenuto da diversi compagni di squadra”, si lanciava verso l’avversario “non potendolo raggiungere perché scivolando, cadeva a terra”.

Entrava quindi in scena il 15enne della Turris che si avventava su di lui “con inaudita violenza e con la precisa intenzione di arrecare grave danno fisico”, assestandogli “un proditorio calcione al volto procurandogli danni permanenti”.

“A questo punto – prosegue il comunicato Figc – entrava in scena l’allenatore della Turris, Mattia Pignatelli, che “trattenendo per un braccio” il calciatore ferito a terra “pesto e sanguinante”, “lo insultava e scaricava, unitamente al Dirigente accompagnatore della Turris, Alberto Cacciatore, su di lui la responsabilità dell’accaduto”.

Il 15enne della Turris autore del colpo proibito è stato squalificato fino al 30 settembre 2020; due anni di squalifica (30/9/2017) per il compagno di squadra inizialmente intervenuto a difesa del compagno, “per aver colpito, a gioco fermo, un calciatore avversario a terra (lo stesso vittima del calcio al volto ndr) con calci alle gambe ed ai glutei”. Squalifiche anche per il tecnico della Turris Pignatelli fino al 29 novembre e per il dirigente Cacciatore fino al 25 ottobre.

Il giovane della Borgonovese, finito al pronto soccorso e a sua volta squalificato per due turni al pari dell’avversario con il quale tutto ha avuto inizio, ha riportato la frattura del setto nasale, la rottura di quattro denti e una lesione al rachide cervicale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.