Quantcast

Export, nel primo semestre 2015 Piacenza frena (-0,7%)

Ha subito una leggera battuta d’arresto il flusso delle esportazioni piacentine nel corso del primo semestre del 2015. La variazione calcolata è stata infatti pari al -0,7%, secondo i dati forniti dalla Camera di Commercio di Piacenza.

Più informazioni su

Ha subito una leggera battuta d’arresto il flusso delle esportazioni piacentine nel corso del primo semestre del 2015. La variazione calcolata è stata infatti pari al -0,7%, secondo i dati forniti dalla Camera di Commercio di Piacenza.

Se a fine giugno 2014 le merci esportate avevano totalizzato il valore di 1.811 milioni di euro, al 30 giugno 2015 il complesso ha raggiunto i 1.798 milioni di euro.
La lettura delle componenti del dato consente di capire che il rallentamento si è verificato soprattutto a carico del comparto tessili ed abbigliamento che aveva spinto in modo molto energico la performance esportativa piacentina, pur non essendo espressione diretta della manifattura locale.

Una leggera flessione ha riguardato anche il settore dei prodotti in metallo (-1,2%) mentre segno positivo si è registrato sui movimenti degli altri settori “forti” dell’economia provinciale.

LA TABELLA

La crescita dell’export per l’industria dei macchinari è stata pari al 2,3%, per quella dei mezzi di trasporto del 2,4%, per quella degli apparecchi elettrici del 7,4%.
Nel complesso molto buono il risultato del settore alimentare che ha totalizzato una crescita a due cifre (+16,5%), guidata da quella dei prodotti alimentari (+19,3%). In frenata invece le vendite delle bevande.

A livello geografico va segnalata la riduzione dell’export verso l’Europa (-4,6%). Variazioni positive si sono invece realizzate nelle altre direttrici di commercializzazione.

Nel sistema Paese le esportazioni hanno segnato una crescita di 5 punti percentuali, in Emilia Romagna del 4,4%. Tra le province vicine Parma, Reggio Emilia e Lodi hanno visto una crescita dell’export, a differenza di Pavia e Cremona.

Import export a livello territoriale

 
 
Importazioni Variaz. % Esportazioni Variaz. %
Giugno 2014 Giugno 2015 Giugno 2014 Giugno 2015
Piacenza 1.590.248.331 1.791.434.381 12,7 1.811.440.782 1.798.170.812 -0,7
Parma 2.391.973.387 2.660.226.881 11,2 2.896.162.526 3.096.350.641 6,9
Reggio Emilia 1.864.759.244 1.976.795.510 6,0 4.527.732.863 4.676.655.515 3,3
Cremona 1.477.549.524 1.709.787.689 15,7 1.863.218.311 1.812.213.963 -2,7
Lodi 2.058.295.664 1.935.174.489 -6,0 1.127.998.028 1.155.677.975 2,5
Pavia 4.601.531.612 4.121.919.104 -10,4 1.962.918.770 1.780.496.036 -9,3
Emilia Romagna 15.370.028.363 16.217.116.474 5,5 26.383.176.138 27.540.308.524 4,4
Italia 179.683.560.601 188.199.124.695 4,7 196.886.173.886 206.652.823.901 5,0

Fonte: elaborazioni CCIAA Piacenza su dati Istat

Importante è stato il risultato delle importazioni, che sono cresciute del 12,7%. In cima alla lista dei Paesi dai quali le imprese piacentine importano merci c’è la Germania, seguita dalla Cina e quindi dalla Francia. I mobili e poi gli articoli di abbigliamento sono risultati essere i prodotti maggiormente importati dall’estero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.