Quantcast

“L’altra scena” di Piacenza, quinta edizione per il festival di teatro contemporaneo

Un intenso programma, curato da Jacopo Maj, che si articolerà dal 1° al 28 ottobre tra Teatro Comunale Filodrammatici, Teatro Gioia e Palazzo Ex Enel. 

Più informazioni su

Quinta edizione a Piacenza del Festival di teatro contemporaneo “L’altra scena”, organizzato da Teatro Gioco Vita con Fondazione Teatri di Piacenza e Comune di Piacenza, con il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Tecnoborgo, Cariparma, Iren Emilia e la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita. Un intenso programma, curato da Jacopo Maj, che si articolerà dal 1° al 28 ottobre tra Teatro Comunale Filodrammatici, Teatro Gioia e Palazzo Ex Enel.

Tra gli elementi che caratterizzano l’edizione 2015 la Cerimonia di consegna del prestigioso Premio della Critica 2015 a cura dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro (ANCT) come appuntamento di apertura del Festival. Inoltre, per tutto il mese di ottobre, nel Palazzo Ex Enel messo a disposizione dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, ci sarà una ricca sezione “Off” de “L’altra scena”, con serate dedicate a musica, cinema, teatro. Gli spettacoli de “L’altra scena” 2015 sono tutti in programma al Teatro Comunale Filodrammatici alle ore 21.

La giornata inaugurale del Festival, giovedì 1° ottobre, prenderà il via alle ore 18 al Teatro Gioia con l’Associazione Nazionale Critici di Teatro (ANCT) che consegnerà il Premio della Critica 2015. L’annuale prestigioso Premio della Critica Teatrale segnala gli artisti e gli eventi capaci di valorizzare la tradizione e indicare una linea di originale innovazione nella vita teatrale del Paese. Viene assegnato a registi, attori, drammaturghi, festival, studiosi, creatori luci e a tutti coloro che contribuiscono a far crescere, con punte d’eccellenza, il teatro contemporaneo.

Tra i premiati dall’ANCT in questi anni figurano Babilonia Teatri, Alessandro Bergonzoni, Arturo Cirillo, Emma Dante, Massimo De Francovich, Pippo Delbono, Lev Dodin, Mariangela Granelli, Roberto Herlitzka, Luigi Lo Cascio, Mario Martone, Stefano Massini, Mariangela Melato, Eimuntas Nekrošius, Maria Paiato, Roger Planchon, Paolo Poli, Elisabetta Pozzi, Armando Punzo e Compagnia della Fortezza, Edoardo Sanguineti, Mario Scaccia, Luigi Squarzina e Peter Stein. In via Santa Franca a partire dalle ore 19 avrà luogo l’ormai consueta proposta conviviale realizzata in collaborazione con l’Associazione Amici di Roccapulzana: i volontari prepareranno per tutto il pubblico i Batarò, piatto tipico della Valtidone. Sempre in via Santa Franca, in contemporanea, dalle ore 19 il “Barbonaggio Teatrale” di Ippolito Chiarello/Nasca Teatri di Terra con lo spettacolo “FanculoPensiero – Stanza 510”. Il “Barbonaggio Teatrale” si ispira all’esperienza dell’attore Ippolito Chiarello, che propone i suoi spettacoli, oltre che in teatro, anche per strada o luoghi non teatrali, su un palchetto, vendendoli a pezzi. L’artista ha stabilito un prezzo per ogni porzione del suo spettacolo, ha fatto un listino e lo distribuisce al pubblico di passaggio. Lo spettatore sceglie il pezzo che vuole sentire, lo paga e l’artista si esibisce, cercando anche di spiegare il senso di questa esperienza.

Al Teatro Comunale Filodrammatici alle ore 21 la programmazione 2015 de “L’altra scena” prenderà il via con “Il giardino delle ciliegie”, Étude pour un vaudeville en travesti plein de paillettes, delle Nina’s Drag Queens, compagnia composta da attori e danzatori che hanno trovato nel personaggio Drag Queen la chiave espressiva per portare avanti la loro idea di teatro. Il confronto con la riscrittura di un grande classico del teatro com’è “Il giardino dei ciliegi” di Cechov è forse una delle prove finora più impegnative affrontate dalle Nina’s. In scena Alessio Calciolari, Gianluca Di Lauro, Sax Nicosia, Stefano Orlandi, Lorenzo Piccolo, Ulisse Romanò, la regia è di Francesco Micheli. Venerdì 2 e sabato 3 ottobre spazio al Festival “Off” al Palazzo Ex Enel.

Il secondo spettacolo, in scena lunedì 5 ottobre, vede protagonista Teatropersona con “Aure”, interpretato da Daria Menichetti, Chiara Michelini, Francesco Pennacchia, regia, scena e luci di Alessandro Serra. Il progetto, che si ispira all’opera di Marcel Proust “Alla ricerca del tempo perduto”, chiude una trilogia del silenzio e della memoria, con la quale dopo un lungo lavoro di sperimentazione e formazione la compagnia ha deciso di sottrarre il linguaggio verbale alla scena intraprendendo una ricerca pluriennale fra corpo dell’attore e composizione dell’immagine.

Giovedì 8 ottobre atteso ritorno al Festival della compagnia I Sacchi di Sabbia, che presenterà “Piccoli suicidi in ottava rima”, vol. I e II, ideazione Giovanni Guerrieri, che cura anche la regia, e Giulia Gallo, entrambi protagonisti in scena insieme a Gabriele Carli, Enzo Illiano e Giulia Solano. Iniziata in forma di happening, l’escursione nella tradizione dei maggi toscani da parte de I Sacchi di Sabbia approda alla sua forma definitiva: una raccolta di episodi, recitati in ottava rima e in quartine di ottonari. Avventura, western, fantascienza (uno degli episodi è il ben noto “L’invasione degli Ultracorpi”, i cui temi vegetali e di rinascita si sposano perfettamente con quelli del canto in maggio) sono gli ingredienti di queste piccole allegorie di genere, riformulate secondo quest’antica tecnica popolare.

Dopo due serate, venerdì 9 e sabato 10 ottobre, dedicate alla programmazione “Off”, lunedì 12 ottobre si torna al Teatro Comunale Filodrammatici dove sarà in scena Emilia Romagna Teatro Fondazione con “Io sono. Solo. Amleto.”, scritto, diretto e interpretato da Marco Cacciola con testi originali di Lorenzo Calva, Michelangelo Dalisi, Letizia Russo. Da un ipotetico regno dei morti, un padre che fu re si rivolge a suo figlio per rivelargli, quando ormai è troppo tardi, ciò che ha potuto vedere e comprendere durante i suoi ultimi istanti di vita. Il progetto parte dal testo shakespeariano per attraversare i dubbi che fondano il nostro tempo, dal rapporto tra padri e figli alla relazione tra leader e società, dalle dinamiche di potere sia nella dimensione pubblica che in quella privata, alla ricerca di una giustizia che si specchia nella vendetta.

Giovedì 15 ottobre appuntamento “Off”, quindi venerdì 16 ottobre debutterà Leonardo Lidi con “Angelo della gravità” di Massimo Sgorbani, spettacolo prodotto da Teatro Gioco Vita e dal Festival “L’altra scena”. Un detenuto nel braccio della morte aspetta il giorno dell’esecuzione tramite impiccagione. È talmente grasso che la corda del boia non reggerebbe il peso, l’esecuzione deve essere rinviata. In scena le parole che il detenuto pronuncia nelle ore della sua ultima attesa.

Sabato 17 serata “Off”, poi lunedì 19 ottobre lo spettacolo scritto e diretto da Tindaro Granata “Invidiatemi come io ho invidiato voi”, di BIBO Teatro / Proxima Res, con Caterina Carpio, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Paolo Li Volsi, Bianca Pesce, Francesca Porrini. Il testo è basato su una storia vera, ma il riferimento è puramente metaforico. Ispiratosi a un caso di pedofilia accaduto qualche anno fa, Granata non si limita alla restituzione della vicenda giudiziaria o alla denuncia, ma cerca di far emergere, con la sensibilità che lo contraddistingue come regista e interprete, i moti interiori e i sentimenti che muovono i protagonisti: vittime e carnefici.

Giovedì 22 ottobre sarà la volta di Paolo Nani con “La lettera”. Un uomo entra in scena e scrive una lettera. La imbusta, la affranca e sta per uscire quando gli viene il dubbio che nella penna non ci sia inchiostro. Controlla e constata che non ha scritto niente. Deluso, esce. Tutto qui. La storia de “La lettera” si ripete 15 volte in altrettante varianti: all’indietro, con sorprese, volgare, senza mani, horror, cinema muto, circo, ecc. Uno spettacolo che da 18 anni è in perenne rappresentazione ai quattro angoli del globo. L’attore, solo sul palco con un tavolo e una valigia di oggetti, riesce a dar vita a 15 micro-storie, tutte contenenti la medesima trama ma interpretate ogni volta da una persona diversa. Un progetto di Nullo Facchini, che cura anche la regia, e Paolo Nani, un artista che è considerato a livello internazionale uno dei maestri indiscussi del teatro fisico.

Venerdì 23, sabato 24 e lunedì 26 ottobre Festival “Off”, quindi a chiusura dell’edizione 2015 de “L’altra scena” mercoledì 28 ottobre ci sarà l’atteso debutto della nuova coproduzione internazionale di Teatro Gioco Vita “Il cavaliere inesistente” di Italo Calvino, realizzata con il Festival “L’altra scena” e il francese EPCC – Théâtre de Bourg-en- Bresse, scène conventionnée e in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione. Nel testo di Calvino l’epoca di Carlo Magno e dei Paladini e la giostra di avventure, inseguimenti e battaglie, sono un pretesto per parlarci di noi e del nostro difficile rapporto con la realtà. Con grande profondità e ricchezza di sfumature, e allo stesso tempo con leggerezza e ironia, si affronta il tema dell’identità nell’uomo contemporaneo. Nel linguaggio scenico di Teatro Gioco Vita la presenza immateriale e incorporea dell’ombra si fonde con la presenza materiale e corporea dell’attore per tradurre i diversi piani dell’ “essere” presenti in questo classico della letteratura del Novecento. La regia è di Fabrizio Montecchi, che firma la drammaturgia insieme a Cristina Grazioli. In scena Valeria Barreca e Tiziano Ferrari.

Per quanto riguarda il Festival “Off”, realizzato in collaborazione con Dubliner’s Irish Pub, le serate di lunedì 5, 12, 19, 26 e mercoledì 28 ottobre saranno dedicate a birra&liquori e stand gastronomici su ruote; giovedì 8, 15, 22 ottobre sarà la volta di birra&liquori, stand gastronomici su ruote e cinema; venerdì 2, 9 e 23 ottobre birra&liquori, stand gastronomici su ruote, teatro e djset; venerdì 16 ottobre birra&liquori, stand gastronomici su ruote e djset, infine sabato 3, 10, 17 e 24 ottobre birra&liquori, stand gastronomici su ruote e live music.

Gli appuntamenti musicali, in programma dalle ore 22, sono curati da Dubliner’s Irish Pub.

Il venerdì, djset: Karl Scotch (2 ottobre), BopInTrouble (9 ottobre), ric.hi & Prodi con “Dj Tomorrow Tojota” (16 ottobre) , Soirée Agitée (23 ottobre). Sabato 3, 10, 17 e 24 ottobre il meglio della selezione live firmata Dubliner’s Irish Pub, sotto la direzione artistica di Riccardo Covelli: tra gli ospiti, i fiorentini Celluloid Jam, i romani The Exploders Duo, i bolognesi Oak.

I giovedì dedicati al cinema sono curati da Concorto Film Festival, con proiezioni dalle ore 21. L’8 ottobre, “Paura e delirio”, una rassegna dei corti più deliranti visti sulla scena internazionale negli ultimi anni. Il 15 ottobre “A woman in focus: Carolina Petro”: viene proposta tutta la filmografia, incluso l’Asino d’Oro 2013, “Rosemary Jane”, della regista colombiana d’origine e londinese d’adozione che affronta le realtà più dure con un stile rigoroso e al contempo uno sguardo pieno di profonda umanità e comprensione per i suoi personaggi. Il 22 ottobre “Oltre il corto”: una serata dedicata a ibridazione di linguaggi, sguardi insoliti, gusto per la sperimentazione. Il cartellone di teatro “Off” si articolerà il venerdì sera dalle ore 21. Il 2 e 9 ottobre vedremo la compagnia milanese Teatribù con “Real Games”, jam session di improvvisazione teatrale, spettacolo interattivo in cui gli improvvisatori partendo da suggerimenti del pubblico, mettono in scena le loro giornate lavorative, il loro primo amore, la migliore vacanza della vita ecc. Il 23 ottobre va in scena Matteo Galbusera, tornato dalla sua esperienza con il Cirque du Soleil, con “The loser”, spettacolo comico con la regia di Adrian Schvarzstein: un solitario e frustrato impiegato delle poste passa le sue domeniche a pescare. E ogni domenica, mentre pesca sul fiume, riscopre se stesso, ed ascoltando la radio si immedesima in un tennista di successo e molti altri personaggi nonsense…

L’edizione 2015 del Festival di Teatro Contemporaneo “L’altra scena” conferma le attività educational rivolte alle scuole superiori. Un primo progetto è dedicato alla critica teatrale. Facendo tesoro della positiva esperienza del percorso di introduzione alla recensione teatrale “SCS/Studenti-Critici-Spettatori” realizzato dal 2012 al 2014 con l’obiettivo di valorizzare ulteriormente la partecipazione alla rassegna delle scuole superiori piacentine, prende il via “Sguardi critici”, un nuovo progetto di critica teatrale per le giovani generazioni curato da Nicola Arrigoni. Critico teatrale e redattore del quotidiano “La Provincia” di Cremona, Arrigoni collabora anche ai periodici “Sipario” e “Hystrio” e alla testata on line “Paneacqua Culture”. Critico militante di teatro e danza e saggista, si occupa di teatro educazione e della drammaturgia della festa.

A cura di Nicola Cavallari è “Tutti a teatro”, con incontri propedeutici e/o di approfondimento sugli spettacoli del Festival.

INFO I biglietti per gli spettacoli costano 10 euro (intero), 8 euro (ridotto convenzioni) e 5 euro (ridotto studenti); per lo spettacolo “Il giardino delle ciliegie” di Nina’s Drag Queens il costo è di 15 (intero), 12 (ridotto convenzioni) e 10 (ridotto studenti). Si può acquistare anche un pass che dà diritto alla visione di tutti gli otto spettacoli in programma al Teatro Comunale Filodrammatici al costo di 65 euro (intero) 55 (ridotto convenzioni) e 40 euro (ridotto studenti). I posti per tutti gli appuntamenti 2015 non sono numerati. Grazie ad una convenzione sottoscritta tra Teatro Gioco Vita e Società Sportiva Dilettantistica LeClub, a tutti coloro che sottoscrivono un pass “L’altra scena” la Palestra LeClub offre una settimana di prova gratuita.

La prevendita di biglietti e pass inizierà mercoledì 23 settembre, alla biglietteria di Teatro Gioco Vita in via San Siro 9, dal martedì al venerdì ore 10-16 e sabato ore 10-13 (tel. 0523.315578, biglietteria@teatrogiocovita.it). Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona al Teatro Comunale Filodrammatici (in via Santa Franca 33) a partire dalle ore 20.

TEATRO COMUNALE FILODRAMMATICI via Santa Franca 33 – telefono 0523.315578 TEATRO GIOIA via Melchiorre Gioia 20/a – telefono 0523.1860191 PALAZZO EX ENEL via Santa Franca 56 (ingresso via San Siro 11) Per informazioni: Teatro Gioco Vita, tel. 0523.315578, info@teatrogiocovita.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.