Quantcast

Sul Po maxi esercitazione di Pontieri e “Folgore” FOTO foto

L’Esercitazione “Iguana” dopo la fase preparatoria dei giorni scorsi, è entrata nella fase condotta. Il 2° Pontieri parteciperà con un assetto specialistico a livello compagnia e dovrà garantire l’attraversamento del fiume Po da parte delle unità della Brigata Paracadutisti “Folgore”: giovedì il momento clou

Più informazioni su

Già da lunedì della scorsa settimana, Piacenza ospita un centinaio di militari di alcuni Reparti della Brigata Paracadutisti “Folgore” dell’Esercito: l’’Esercitazione “Iguana” dopo la fase preparatoria dei giorni scorsi, è entrata nella fase condotta.

L’attività si svolgerà presso l’area addestrativa “Scalo Po” fino al 2 ottobre e vedrà impegnati i Pontieri e personale della “Folgore” in particolare dell’8° Reggimento Genio Guastatori paracadutisti che dirige l’esercitazione, del 3° Reggimento Savoia Cavalleria, del 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti.

All’attività prenderà parte anche un plotone della 173^ Infantry Brigade Combat Team Airborne (USA) di stanza a Vicenza. Il 2° Pontieri parteciperà con un assetto specialistico a livello compagnia e dovrà garantire l’attraversamento del fiume Po da parte delle unità della Brigata Paracadutisti “Folgore”. La compagnia pontieri ha in dotazione il PGM (Ponte Galleggiante Motorizzato) che consente la realizzazione di un ponte galleggiante o una linea di traghettamento in tempi veramente ristretti.

L’esercitazione culminerà giovedì 1° ottobre con la visita del Comandante del Genio e Ispettore dell’Arma del Genio, Generale di Brigata Pietro Tornabene e del Comandante della Brigata Paracadutisti “Folgore”, Generale di Brigata Giovanni Maria Iannucci. In particolare giovedì, in prima mattinata, saranno esplosi dei colpi a salve da parte dei guastatori paracadutisti per rendere più realistica l’esercitazione di sbarco sotto il fuoco nemico.

I militari del 2° Genio Pontieri, reduci dall’intervento a favore della popolazione di Roncaglia colpita dall’esondazione del torrente Nure della scorsa settimana, di concerto con i colleghi guastatori paracadutisti di Legnago (VR), con questa complessa attività addestrativa avranno modo di affinare le tecniche e le procedure per la condotta di missioni fuori dai confini nazionali condotte dai reparti dell’Esercito Italiano.

Tali esercitazioni, oltre a rappresentare un ottimo banco di prova per le unità sul campo, risaltano, ancora una volta, la capacità “dual-use” dei Reparti Genio dell’Esercito Italiano che oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, garantiscono in ogni momento un supporto pronto, flessibile ed efficace alle esigenze della collettività.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.