Quantcast

Alluvione, fondo di garanzia da 1milione e 800mila euro per le aziende danneggiate

Approvat l’assestamento al bilancio 2015 della Regione Emilia-Romagna. Trasferito inoltre all’Agenzia di protezione civile il contributo di 11,3 milioni di euro, provenienti dal Fondo di solidarietà dell’Unione europea per le calamità da inondazioni

Più informazioni su

Approvato in Assemblea legislativa l’assestamento al bilancio 2015 della Regione Emilia-Romagna, che prevede 52 milioni di euro di risorse autonome regionali destinate alla spesa corrente e agli investimenti.

“Abbiamo indicato una direzione di marcia chiara e fatto scelte precise”, ha detto il presidente della Regione Stefano Bonaccini nel suo intervento in Aula. “Vogliamo una Regione sempre più sobria, semplice, che investe sul lavoro e l’impresa e spinge per una svolta del Paese e dell’Europa per tornare a crescere, recuperare posti di lavoro, garantire la difesa dei più deboli e creare opportunità contro la povertà, con investimenti in sanità e welfare, nel territorio e nella ricerca e innovazione e faccia della lotta all’illegalità la propria bandiera”.

“Pur in un momento di particolare complessità gestionale – ha sottolineato l’assessore regionale al Bilancio Emma Petitti – abbiamo approvato una legge di assestamento che contribuisce alla realizzazione dei progetti strategici della Regione. In particolare si dà una risposta concreta alle esigenze del sistema socio-sanitario con oltre 30 milioni di finanziamenti aggiuntivi per garantire sia prestazioni ulteriori rispetto ai livelli essenziali delle prestazioni sanitarie sia nuovi investimenti nelle strutture sanitarie”.

Per quanto riguarda la spesa corrente, sono finanziati interventi in sanità e per migliorare la vita dei cittadini e delle categorie più deboli: 10 milioni di euro serviranno per prestazioni aggiuntive rispetto ai Livelli essenziali di assistenza (Lea) e abbattere ulteriormente le liste di attesa per le visite specialistiche; 1 milione per l’eliminazione delle barriere architettoniche; 430 mila euro per le agevolazioni tariffarie agli abbonamenti per il trasporto pubblico per anziani, disabili e inabili e 200 mila euro per interventi per l’emergenza abitativa.

Un milione e 780 mila euro sono poi destinati alla promozione di attività culturali e ai giovani e 1 milione sosterrà il turismo regionale (con finanziamenti all’attività di promozione di Apt e agli impianti di risalita). Infine, il tema della legalità: risorse ulteriori pari a 480 mila euro consentiranno lo svolgimento a Bologna del processo Aemilia.

Per quanto riguarda le spese in conto capitale, cioè gli investimenti, l’assestamento prevede 20 milioni di euro per l’acquisto di impianti e attrezzature mediche, tecnologie, avviare ristrutturazioni in sanità, mentre per la mobilità sostenibile e l’acquisto di nuovo materiale rotabile sono destinati 5,1 milioni di euro.

Anche l’ambiente è al centro della manovra: nelle aree colpite dal sisma, 7 milioni di euro saranno destinati ad opere pubbliche non finanziabili con le risorse del commissario alla ricostruzione e serviranno a riqualificare i centri storici (strade, piazze e così via). Con la manovra, inoltre, si costituisce il fondo di garanzia straordinario per le attività produttive danneggiate dall’alluvione di Parma e Piacenza (complessivamente di 1 milione di cui 800 mila con nuove risorse assegnate con l’assestamento) e si trasferisce, poi, all’Agenzia di protezione civile il contributo di 11,3 milioni di euro, provenienti dal Fondo di solidarietà dell’Unione europea per le calamità da inondazioni.

Infine sono stati finanziati interventi per il sostegno di progetti di ricerca e innovazione delle imprese (legge 14 dell’attrattività) per gli esercizi 2016 e 2017 complessivamente per oltre 12 milioni di euro mentre 3 milioni sono finalizzati alla realizzazione del Polo tecnologico di Bologna.

Contrasto al dissesto – L’Emilia-Romagna pronta alla firma con il ministero dell’Ambiente – “Siamo pronti a firmare l’accordo di programma trasmesso dal ministero dell’Ambiente. A disposizione dell’Emilia-Romagna ci sono quasi 53 milioni di euro per la messa in sicurezza del territorio. Un primo stanziamento, che permetterà di realizzare interventi molto attesi e fondamentali per il contrasto al dissesto idrogeologico, la prevenzione delle alluvioni e la difesa del suolo nella nostra regione”.

Lo afferma l’assessore regionale alla Difesa del suolo Paola Gazzolo, rispondendo al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che ha sollecitato la firma dell’accordo, ultimo atto necessario per realizzare i lavori.

Con il via libera della Corte dei Conti si è concluso l’iter amministrativo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che contiene gli elenchi delle opere da realizzare per contrastare il dissesto nelle aree metropolitane del Paese. La firma degli accordi di programma tra Stato e Regioni consentirà il trasferimento dei fondi e l’avvio delle  procedure di gara per l’apertura dei cantieri.  

L’accordo prevede un primo stanziamento di  27 milioni e 280 mila euro, già disponibili per 2015, destinati a finanziare il ripascimento che va da Ferrara a Rimini e gli interventi per la messa in sicurezza del nodo idraulico della pianura bolognese; a queste risorse si aggiungono 1,5 milioni di stanziamento regionale. Nel 2016 sarà finanziata invece la seconda tranche di 24,1 milioni per i lavori che riguardano ulteriori opere di messa in sicurezza dell’area metropolitana bolognese e il completamento delle casse di espansione del Senio a salvaguardia del territorio della Bassa Romagna.

“A questi fondi – conclude Gazzolo – si aggiungono 55 milioni per la Cassa del Baganza, che il Governo ha riconosciuto come intervento prioritario a livello nazionale. Complessivamente sono già 108 milioni le risorse destinate all’Emilia-Romagna, che serviranno a dare una risposta concreta alla lotta al dissesto e alla messa in sicurezza del nostro territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.