Quantcast

Bruno Barilli, scrittore, artista, funambolo. Sabato conferenza alla Ricci Oddi 

La Galleria Ricci Oddi di Piacenza ospita sabato 17 ottobre, ore 17, la conferenza "Bruno Barilli, Scrittore Artista e Funambolo"a cura di Paola Montefoschi, già docente di letteratura italiana moderna e contemporanea alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università "G. d'Annunzio" di Chieti.

Più informazioni su

La Galleria Ricci Oddi di Piacenza ospita sabato 17 ottobre, ore 17, la conferenza “Bruno Barilli, Scrittore Artista e Funambolo”a cura di Paola Montefoschi, già docente di letteratura italiana moderna e contemporanea alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti.
La professoressa Montefoschi ha recentemente curato la mostra omonima allestita presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma dal 24 marzo al 23 maggio scorsi, a cui la Galleria ha prestato l’opera “Ritratto di Bruno Barilli” di Massimo Campigli.
 
Bruno Barilli fu personaggio complesso, intellettuale irrequieto, musicista e critico musicale, letterato cui si devono  grandi pagine di prosa d’arte, di letteratura musicale e di viaggio, di critica cinematografica, di corrispondenze di guerra.  Tra i fondatori della «Ronda» negli anni immediatamente successivi alla Grande Guerra, Bruno Barilli fu una delle figure centrali nella vita culturale romana tra le due guerre.
Caratteristico cipiglio, capelli alti sulla fronte, lineamenti pronunciati: il volto di Barilli è stato più volte ritratto dai tanti artisti che gli furono legati. Fra questi spicca il Ritratto realizzato da Massimo Campigli nel 1928 conservato alla Galleria Ricci Oddi.

Il titolo della conferenza in programma sabato alla Ricci Oddi, che riprende quello della bella mostra romana, vuole proprio richiamare la poliedricità e la vis creativa di questo straordinario protagonista del Novecento italiano. A partire da un’analisi sul Ritratto che Campigli ha eseguito, Paola Montefoschi racconterà la complessità dello scrittore che con la sua opera eclettica e la sua vita intensa e bohemienne fu fra le figure dominati della scena artistico-letteraria romana dei primi decenni del Novecento.
 
 
 
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.