“Io amo i beni culturali”, vince il progetto firmato da Parco archeologico di Travo e studenti del Raineri foto

Il Museo e Parco Archeologico di Travo insieme all'istituto Raineri di Piacenza , sono i vincitori del concorso di idee "Io amo i beni culturali V edizione - anno scolastico 2015-2016", organizzato e promosso da IBC Emilia Romagna, in collaborazione con l'sssessorato regionale all'Agricoltura e Pesca.

Più informazioni su

Il Museo e Parco Archeologico di Travo insieme all’istituto Raineri di Piacenza , sono i vincitori del concorso di idee “Io amo i beni culturali V edizione – anno scolastico 2015-2016”, organizzato e promosso da IBC Emilia Romagna, in collaborazione con l’sssessorato regionale all’Agricoltura e Pesca.

Il concorso si pone come obiettivo di avvicinare i giovani al patrimonio culturale e alle istituzioni che lo conservano, favorendo la loro partecipazione attiva e creativa e sostenendo la crescita di cittadini autonomi e consapevoli. E’ rivolto alle Scuole Secondarie di 1° e 2° grado e ai Musei e agli Archivi dell’Emilia-Romagna e sostiene economicamente quindici dei progetti presentati in tutta la Regione.

Il progetto realizzato dalle realtà piacentine e denominato “ARCHEODOC… il DOCumentario sulla Preistoria dei prodotti DOC piacentini” , si è rivelato essere una proposta originale, cercando di valorizzare il bene “Museo e Parco di Travo” attraverso il racconto di alcuni prodotti locali piacentini utilizzati fin dalla preistoria, come il bargnolino e il farro, ed oggi sapientemente recuperate nel campus agro-alimentare Raineri.

Nel prodotto finale, un video dalla durata di circa venti minuti, i ragazzi partecipano attivamente come attori, registi e sceneggiatori sotto la supervisione di insegnanti e operatori museali che forniranno i dati scientifici utili. Il video sarà poi lasciato in libera visione presso il Parco e Museo Archeologico nelle postazioni multimediali già presenti e utilizzato durante le visite guidate alle scuole.

Attraverso quindi il giusto dosaggio di archeologia, tradizione contadina e nuovi mezzi di comunicazione il progetto costituisce un profondo punto di interesse per i giovani studenti che avranno così modo di unire studio scientifico e creatività per valorizzare sia il bene archeologico sia il proprio impegno scolastico nonchè futuro lavorativo.
Come segnalato nella lettera del direttore dell’IBCN Alessandro Zucchini, comunicante la graduatoria finale, il progetto “Io Amo i Beni Culturali” rivela l’esistenza di una rete di collaborazioni virtuosa tra scuole, musei, archivi e territorio che aumenta e migliora ogni anno.

I progetti vincitori saranno presentati in un convegno aperto a insegnanti e operatori culturali che si terrà a Bologna il 18 novembre presso la sede dell’IBC a Bologna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.