Lite per il “turno” al videopoker, lancio di bottiglie in via Pozzo

Prima hanno discusso per accaparrarsi il posto al videopoker di un bar di via Pozzo (Piacenza) poi sono passati alla rissa in strada, con lancio di bottiglie di vetro: è accaduto intorno alle 20 e 30 di giovedì 8 ottobre e la serata è culminata con l'arrivo della polizia.

Più informazioni su

Prima hanno discusso per accaparrarsi il posto al videopoker di un bar di via Pozzo (Piacenza) poi sono passati alla rissa in strada, con lancio di bottiglie di vetro: è accaduto intorno alle 20 e 30 di giovedì 8 ottobre e la serata è culminata con l’arrivo della polizia. Protagonisti alcuni stranieri, che hanno “risolto” la questione uscendo dal locale e dando il via al minaccioso lancio di bottiglie, in cui nessuno è però rimasto ferito. 

All’arrivo della volante, alcuni si erano già dileguati: in questura, per accertamenti, sono stati accompagnati un nigeriano del 75 e un 28enne somalo: il primo in possesso di documenti falsi e il secondo, identificato come uno dei protagonisti della rissa, per lancio di oggetti pericolosi.

L’intervento della Lega Nord di Piacenza “RISSA IN VIA ROMA, ZANDONELLA (LN): «INTEGRAZIONE FALLIMENTARE, ORA TOLLERANZA ZERO” – Considerata l’evidente incapacità del sindaco Dosi e del Partito Democratico di garantire la sicurezza e la legalità nel centro storico, chiediamo all’amministrazione comunale di ammettere il proprio innegabile fallimento. I loro tentativi di alterare la realtà con espressioni distorte quali “schiamazzi”, “arricchimento culturale”, “intercultura”, “dialogo” e “partecipazione” non sono più credibili e sono smascherati dagli eventi ormai quotidiani che accadono nella zona di Porta Galera».

Così il segretario cittadino della Lega Nord, Luca Zandonella, in riferimento all’ennesima rissa scoppiata ieri sera tra via Roma e via Pozzo con protagonisti due gruppi di stranieri.

«Con teppisti e delinquenti – attacca Zandonella – l’unica risposta è la tolleranza zero. Urgono misure drastiche e di lunga durata, come la reintroduzione delle perlustrazioni di pattuglie miste, composte da militari e agenti delle forze dell’ordine: una situazione tanto incandescente necessita infatti di monitoraggi e presidi continui. A questo punto il primo cittadino confessi che le politiche messe in campo dal centro sinistra negli ultimi tredici anni sono state rovinose invece di affermare pubblicamente, come ha fatto a Mucinasso a metà maggio, che nel quartiere di Porta Galera gli immigrati fanno quello che i piacentini facevano cinquant’anni fa, solo utilizzando un tono di voce più alto. È evidente – insiste il segretario – che tutti gli esperimenti attuati sino ad ora attraverso la tanto costosa quanto inutile agenzia Quartiere Roma, le manifestazioni, le feste, l’ambulatorio e il social market si sono rivelati un completo insuccesso. Senza le opportune azioni di arginare la criminalità qualunque intervento sociale è destinato a non avere buon esito. Chissà quanto tempo il centrosinistra avrà ancora bisogno per rendersene conto».
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.