Quantcast

L’ospedale apre le porte: laboratori creativi, merende sane e prevenzione FOTO foto

Tra laboratori di scrittura, dottori clown e i segreti per merende sane e gustose, è iniziata la tre giorni di porte aperte all'ospedale di Piacenza. Un'uniziativa dedicata a bambini e ragazzi, famiglie e a tutta la cittadinanza. 

Più informazioni su

Tra laboratori di scrittura, dottori clown e i segreti per merende sane e gustose, è iniziata la tre giorni di porte aperte all’ospedale di Piacenza. Un’uniziativa dedicata a bambini e ragazzi, famiglie e a tutta la cittadinanza. I primi due giorni sono dedicati alle scuole: tra giovedì e venerdì sono attesi circa 700 studenti, dall’infanzia alle superiori. Per loro l’Azienda Usl di Piacenza, in collaborazione con tante associazioni di volontariato, ha allestito per le due mattinate una sessantina di laboratori incentrati su diversi temi. 



La proposta più gettonata è stata quella legata alle ludopatie e all’abuso di alcol e sostanze, che ha raccolto soprattutto l’adesione degli istituti superiori. A insegnanti e ragazzi è piaciuta in particolare la modalità con cui Ausl e gli operatori del progetto Ops (operatori di strada) hanno concepito l’idea: non lezioni frontali ma un’attività incentrata sulla scrittura creativa e sussidi creativi per stimolare le domande dei partecipanti. Altro tema molto gradito alle scuole è quello dell’emergenza urgenza: tante classi, di tutte le età, hanno richiesto di poter conoscere i “segreti” dell’attività quotidiana degli operatori del soccorso. Uno dei laboratori vede collaborare i professionisti del 118 insieme ai volontari di Croce Rossa, Anpas e Progetto Vita. 



La Cri schiera inoltre i suoi volontari del sorriso, simpaticissimi clown pronti a mostrare ai più piccoli un’ambulanza pediatrica e ad aiutare i bambini ad affrontare le situazioni di emergenza, acquisendo tutte le informazioni necessarie da utilizzare in questi casi. Molto apprezzate anche le abilità del gruppo truccatori di Cri, che hanno messo a disposizione dei bimbi più coraggiosi le loro abilità nel ricreare le emergenze più comuni: scottature e fratture. 



Altro focus molto importante di questi primi due giorni di Open day dedicati alle scuole è il tema della sana alimentazione e dei corretti stili di vita. Oltre alla riconferma della presenza dell’associazione Panificatori, che già l’anno scorso aveva deliziato tutti con gustose bontà appena sfornate, si aggiunge una deliziosa novità. L’associazione Gelatieri fornisce ai bambini la possibilità di assistere alle fasi salienti della preparazione di un gelato artigianale sano e genuino. Intanto, ha già avuto un grande successo il concorso lanciato nelle scuole sul tema: sono arrivate una cinquantina di proposte per creare un gusto di gelato ad hoc per l’Open day. Sabato ci sarà la premiazione. Non mancano poi un simpatico gioco sull’alimentazione creato dall’associazione Diabetici e un’attività ludica per creare una sana e ottima merenda a base di frutta ideata da operatori e volontari del progetto Guadagnare salute. 



Gli altri laboratori sono dedicati a superare le paure dell’ospedalizzazione, alla sensibilizzazione del dono (sia esso sangue, midollo o organi) e alla land art. Un appuntamento importante di venerdì riguarda poi l’inaugurazione del nuovo Day hospital di Oncologia, prevista nel pomeriggio di venerdì alle 16. 



Sabato invece, la giornata è dedicata alla cittadinanza. L’inaugurazione dell’Open day è prevista per le ore 10.30 nella piazzetta del Polichirurgico. Alle 14.30 è in scaletta la presentazione della nuova sala d’attesa del Centro Salute Donna riqualificata dall’Associazione Il Pellicano Piacenza Onlus. Sabato sarà anche possibile visitare il patrimonio storico, artistico e culturale dell’ospedale. A fare da ciceroni ci sono oltre 20 studenti del Romagnosi, appositamente formati. Si parte dalla chiesa di San Giuseppe alle ore 11, 12, 15 e 16 Prenotazioni: 0523.302016 349.2688538.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.