Quantcast

Successo a Procida per la regata di solidarietà di Africa Mission foto

Si è conclusa con successo la seconda edizione di "Regatiamo per l'Africa", organizzata dal Gruppo di amici di Africa Mission di Procida insieme alla BlueDream Charter"

Più informazioni su

“DOVE C’È SOLIDARIETÀ C’È GIOIA” – La nota stampa

Si è conclusa con successo la seconda edizione di “Regatiamo per l’Africa”, organizzata dal Gruppo di amici di Africa Mission di Procida insieme alla BlueDream Charter” e al “Ristorante Fammivento” e sostenuta da un gruppo di 70 piacentini giunti sull’isola appositamente per l’occasione.

Dopo la pioggia del venerdì che ha benedetto l’inizio del sodalizio piacentino-procidano, sabato 3 ottobre, il sole ha accompagnato la regata di solidarietà che ha visto impegnate 10 barche a vela e 2 catamarani e ha coinvolto oltre 150 persone.

Per molti dei partecipanti è stata la prima esperienza in barca a vela: “Quando la barca prende il vento è davvero bello – racconta il direttore di Africa Mission Carlo Ruspantini, anche lui alla prima esperienza in barca a vela-.

Intenso e coinvolgente è stato il momento in cui, a fine regata, tutte le barche si sono avvicinate al luogo in cui lo scorso anno è stata deposta la targa che ricorda don Vittorione e dopo un breve intervento del Presidente di Cooperazione e Sviluppo, dott. Carlo Antonello, che ha ricordato il senso di quell’incontro in mare e il legame tra Procida e don Vittorione, è stato lanciato in acqua un mazzo di gigli, mentre tre sub dell’associazione piacentina Scubalibre si sono immersi per andare a pulire la targa.

Ben riuscita la festa serale che sul molo dell’isola ha sancito il connubio fra cucina piacentina e procidana. “Davvero un bel colpo d’occhio, – ha continuato Carlo Ruspantini – quello dello stand dove oltre 30 volontari piacentini e procidani lavoravano gomito a gomito per preparare Pisarei ai frutti di mare, Gnocco fritto con salumi e gorgonzola, gentilmente offerto dalla Valcolatte”.

Grande successo hanno avuto sia il Gutturnio che l’Ortrugo delle valli piacentine messo a disposizione dalla Cantine Quatto Valli.

La serata, che è stata aperta dalla musica di alcuni complessi di ragazzi dell’isola, è proseguita con l’intervento di Carlo Antonello, presidente di Cooperazione e Sviluppo, che ha letto i saluti del Sindaco di Piacenza e ha dato la sua testimonianza circa l’importanza di un pozzo d’acqua in Karamoja, e di Mimì Calabrese, storico rappresentante di Africa Mission sull’isola, che con la testimonianza del suo incontro con don Vittorione e con l’Africa ha commosso gli ascoltatori.

La musica etnica di un gruppo che ha presentato delle melodie cubane ha chiuso la prima parte della serata.

La seconda parte è stata aperta dall’intervento divertente e pieno di colpi di scena di Giulio Golia (inviato de “Le Iene”) che con la sua trascinante simpatia ha rallegrato gli animi dei presenti. Golia ha poi proceduto alla premiazione della regata. Tutti gli  equipaggi hanno ricevuto una medaglia e i primi tre classificati una coppa, la cosa strana è che tutti i premi riportavano la dicitura 1°calssificato: “non è un errore, – ha spiegato Antonio Scotto di Perta, organizzatore della regata – ma semplicemente la constatazione che quando si gareggia per la solidarietà tutti vincono…” . Il Sindaco di Procida, salito sul palco per la premiazione, ha ringraziato Africa Mission per l’organizzazione della bella manifestazione e ha auspicato che questa amicizia fra Piacenza e Procida continui nel tempo e ha accettato volentieri l’invito a venire a Piacenza per una manifestazione analoga.

La celebrazione eucaristica di domenica 4 ottobre, tenutasi presso la Chiesa di San Michele, ha chiuso l’esperienza.

“Dove c’è solidarietà c’è gioia”, questo slogan stampato sulle maglie usate durante la serata dai volontari, sintetizza bene l’esperienza vissuta in questi giorni dagli amici di Africa Mission.

“Nei prossimi giorni -dice Carlo Ruspantini- conosceremo l’esito finale della raccolta che, secondo le previsioni, raggiungerà senz’altro l’obiettivo dei 10.000 euro necessari alla perforazione di un nuovo pozzo in Karamoja”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.