Piccoli alunni diventano consiglieri con il progetto “La scuola in Comune”

Un vero e proprio gioco di ruolo, che consente ai bambini delle classi quarte e quinte delle scuole elementari di Piacenza, quello proposto dal progetto "La scuola in Comune". 

Più informazioni su

Un vero e proprio gioco di ruolo, che consente ai bambini delle classi quarte e quinte delle scuole elementari di Piacenza, quello proposto dal progetto “La scuola in Comune”. L’iniziativa proposta dal presidente del consiglio Christian Fiazza prende spunto da un’idea analoga della Fondazione Riccardo Catella di Milano. Ai bambini verrà proposto di votare una delibera, sulla falsariga di quelle reali discusse dai consiglieri comunali. Questa sarà dedicata alla creazione ideale di un parco dei diritti dei bambini, che sorgerà all’interno dell’area dell’ex Pertite. 

“L’auspicio è che, magari fra 20 anni, alcuni di questi bambini possano davvero diventare consiglieri e dare la loro impronta al futuro della città” dice il presidente Fiazza. 

Prima di approdare a palazzo Mercanti, le classi si preparanno quindi su questo argomento, senza mettere limiti alla creatività dei baby consiglieri che potranno così presentare la propria proposta e poi votarla, divisi in due gruppi consiliari “Bambini x Piacenza” e “Piacenza città dei bambini”, in modo da mettere in pratica la dialettica che contraddistingue l’attività dell’assemblea. 

Ovviamente la giornata vedrà anche una visita degli uffici comunali e la consegna dei diplomi di consigliere comunale per un giorno. A rompere il ghiaccio spetta alla quinta B della scuola De Gasperi, il 30 novembre. Poi seguiranno altre classi fino al 3 febbraio, secondo il calendario stilato dagli uffici. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.