Approvazione Psc, il Pd: “”Pagina importante per Piacenza”

Di seguito l'intervento dell'Esecutivo provinciale del Pd di Piacenza dopo l'approvazione in consiglio comunale del Piano strutturale comunale.

Più informazioni su

Di seguito l’intervento dell’Esecutivo provinciale del Pd di Piacenza dopo l’approvazione in consiglio comunale del Piano strutturale comunale. Ecco il testo

Il Consiglio comunale sta scrivendo un’importante pagina per il futuro di Piacenza. Con l’approvazione del Piano Strutturale comunale (Psc), il cui ultimo atto ci auguriamo possa essere portato a termine all’inizio del nuovo anno, la città avrà a disposizione uno strumento normativo che ispirerà lo sviluppo territoriale di Piacenza nei prossimi anni. Ci si arriva dopo un processo lungo e laborioso che ha visto l’impegno decisivo di ben due amministrazioni di centrosinistra, la giunta Reggi prima e l’attuale giunta Dosi; un processo che, va doverosamente sottolineato, ha messo nelle condizioni tutta la cittadinanza di partecipare a questo passaggio storico e cruciale. Basti pensare che in questi anni sono state esaminate circa 400 osservazioni provenienti da enti, comitati, cittadini.

Il Psc contiene le sfide essenziali che attendono Piacenza: la sfida della riqualificazione e rigenerazione urbana, la sfida del riuso degli immobili e delle aree dismesse (demaniali e industriali), la sfida del giusto equilibrio tra sviluppo e sostenibilità ambientale riducendo drasticamente il consumo di suolo. Sfide supportate da norme e criteri incentivanti che metteranno in condizione gli operatori/investitori di attivarsi nelle migliori condizioni possibili. In sostanza, dunque, uno strumento che mette in campo opportunità che il territorio potrà cogliere in un contesto strategico più ampio.

Questo documento si pone degli obiettivi concreti: la rafforzata tutela e valorizzazione del centro storico pur rispettando i principi di liberalizzazione del commercio; le condizioni per attrarre nuove imprese manifatturiere e di logistica innovativa che diano garanzie occupazionali e di rispetto ambientale; le risposte a temi da anni irrisolti (area spettacoli viaggianti, sede protezione civile, nuova centrale del riuso); l’individuazione di una strategia che faciliti il miglioramento della grande viabilità in entrata ed in uscita dalla città, una “Piacenza città snodo” che deve creare le condizioni per richiedere a gran voce interventi governativi statali e regionali che risolvano il grande problema dell’attraversamento della città da parte di un’ autostrada; la  valorizzazione del grande fiume soprattutto migliorando gli accessi e la fruizione delle sponde. Da ultimo, ma non meno importante, l’atto concreto con cui, nel rispetto del percorso di dialogo con il ministero della Difesa titolare dell’area, si indica un futuro chiaro e preciso a verde pubblico per l’area della Pertite, segno della volontà di questa amministrazione di promuovere sempre di più una qualificata sostenibilità ambientale. Un Psc, insomma, che mette la nostra città nelle condizioni di preparare il proprio futuro valorizzando al meglio le proprie risorse e peculiarità.

Come Partito Democratico non possiamo dunque che accogliere con soddisfazione l’esito di questo percorso ringraziando l’assessore all’Urbanistica Silvio Bisotti in primis unitamente ai dirigenti e ai tecnici comunali che si sono adoperati alacremente; e poi il sindaco Paolo Dosi, la sua giunta e tutti gli amministratori che negli anni hanno contribuito alla realizzazione di questo percorso. Ci auguriamo, e lavoreremo in tal senso, che questa amministrazione riesca ad impostare anche il primo Poc (Piano operativo comunale), il vero strumento che individuerà le priorità pubbliche e le opportunità per i privati da realizzare nei prossimi cinque anni.
 
Partito Democratico
Esecutivo provinciale

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.