Quantcast

Area ex Camuzzi, Fratelli d’Italia: “Degrado non più tollerabile” foto

"Rimangono panchine rotte, sporcizia di ogni tipo, animali di ogni genere. L'incuria colpisce anche alberi e arbusti, lasciati crescere senza controllo, al punto che alcune persone, principalmente adolescenti, possono agire indisturbate in attività, a dire dei residenti, poco lecite”

“Il degrado dell’area ex Camuzzi non è più tollerabile”. La denuncia arriva dai consiglieri comunali di Fratelli d’Italia Erika Opizzi e Tommaso Foti, che hanno presentato sul tema una interrogazione urgente.
 
“Da oltre 15 anni – affermano -. conformemente agli strumenti urbanistici approvati, l’area di proprietà privata compresa tra via Morigi, via Rapaccioli e via XXIV Maggio – in comune di Piacenza – risulta destinata a verde pubblico, senza che – per altro – vi sia traccia di un’adeguata sistemazione della stessa”.
 
I due consiglieri ricordano la storia dell’area: “A seguito del fallimento della Camuzzi S.p.A. – spiegano – il Comune di Piacenza si mostrava interessato all’acquisizione dell’area stessa e, nel marzo 2012, il Consiglio Comunale di Piacenza approvava – a maggioranza – il progetto di riqualificazione”.

“Il progetto prevedeva l’attrezzamento a verde del terreno con la realizzazione di campi da bocce, un campo da calcio, un’area sgambamento cani e una fascia di orti da assegnare ai cittadini. Contestualmente il Consiglio Comunale esprimeva voto favorevole alla variante al Piano Regolatore Generale che vincolava l’area a verde pubblico e l’esproprio della stessa per ragioni di pubblica utilità, con conseguente stanziamento di un milione e mezzo di euro”.
 
“Nel marzo 2013 la Corte d’Appello di Milano, revocava la sentenza di fallimento della Camuzzi S.p.A.; ad oggi nessun intervento è stato realizzato  nell’area, che si presenta in uno stato di degrado e abbandono totale.”.

“Come si può osservare dalle foto, permangono panchine rotte, sporcizia di ogni tipo, animali di ogni genere (topi, serpi, ecc). L’incuria colpisce anche alberi e arbusti, lasciati crescere senza controllo, al punto che alcune persone (principalmente adolescenti) possono agire indisturbate in attività, a dire dei residenti, poco lecite”.
 
Opizzi e Foti chiedono a sindaco e giunta “se intendano dare seguito al progetto di riqualificazione dell’aerea in questione e, in caso di risposta favorevole, quali atti amministrativi intendano assumere in merito per renderne possibile l’attuazione;nel frattempo, se e quali iniziative intenda assumere l’Amministrazione Comunale per eliminare le condizioni di assoluto degrado in cui versa l’area”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.