Quantcast

Foti (Fdi-An): “In quale situazione versano i Confidi dell’Emilia-Romagna?”

“I 13 Confidi regionali - afferma - rappresentano circa 42.000 imprese della regione, vale a dire il 10% di quelle attive da Rimini a Piacenza, e hanno l’obiettivo di migliorare le condizioni di accesso al credito”

Più informazioni su

“I cosiddetti Consorzi fidi (Confidi) minori, nel 2014, hanno consentito l’erogazione alle imprese dell’Emilia-Romagna di 368 milioni di finanziamenti, portando lo stock complessivo delle concessioni di credito garantite a oltre 1,1 miliardi”.

Lo segnala il consigliere piacentino Tommaso Foti (Fdi-An) in una interrogazione rivolta alla Giunta regionale, dove afferma che “i 13 Confidi dell’Emilia Romagna rappresentano circa 42.000 imprese della regione, vale a dire il 10% di quelle attive da Rimini a Piacenza, e hanno l’obiettivo di migliorare le condizioni di accesso al credito”.

“Per migliorare l’efficienza – aggiunge – hanno stipulato un contratto di rete che prevede anche il ricorso alla riassicurazione del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese gestito dal Medio Credito centrale”.

“É di questi giorni – evidenzia Foti – la notizia di un’imminente unificazione di alcuni consorzi fidi o dell’accentramento delle loro funzioni nella città di Bologna”, a causa della “situazione in cui versano e, in particolare, delle sofferenze in pancia alle banche che avevano contro garantito in nome delle aziende associate che sono però andate in default e, al riguardo, vi sarebbe anche una relazione di Banca d’Italia”.

Il consigliere chiede quindi alla Giunta se risponda al vero la notizia che la situazione di Confidi Emilia-Romagna sarebbe stata rappresentata il 25 novembre scorso al Tavolo regionale dell’imprenditoria, vuole sapere quale sia l’effettiva situazione in cui versano e quali iniziative si intendano assumere per sostenerli in modo adeguato.

Foti domanda infine se una soluzione ai problemi evidenziati possa essere data dall’aggregazione delle cooperative di garanzia.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.