Giovani Confagricoltura, Elisa Leonardi “Anghino dell’Anno”

Elisa ha avviato un’attività tutta sua e diversa: gestisce a Calendasco una piccola azienda con annesso B&B specializzata nell’allevamento e nell’addestramento dei cavalli con attitudine a lavorare con il bestiame, ragion per cui alleva anche una ventina di bovini da ingrasso

Più informazioni su

Durante la cena per lo scambio degli auguri, sabato sera 12 dicembre alla Faggiola, la sezione piacentina di Anga, l’associazione dei giovani di Confagricoltura, ha premiato come “Anghino dell’Anno” Elisa Leonardi.

Dopo il diploma in ragioneria ed un primo lavoro nell’azienda di famiglia, ha deciso, nel 2008, di tornare all’agricoltura, passione già presente nel Dna grazie ai nonni agricoltori e al padre che non aveva mai del tutto lasciato il settore.

Elisa ha però avviato un’attività tutta sua e diversa: gestisce a Calendasco una piccola azienda con annesso B&B specializzata nell’allevamento e nell’addestramento dei cavalli con attitudine a lavorare con il bestiame, ragion per cui alleva anche una ventina di bovini da ingrasso.

“La disciplina madre da cui partono tutte le altre performance con il bestiame è il cutting: si tratta di tutte quelle operazioni che i cowboy dovevano compiere con i cavalli per gestire la mandria e che si usano ancora oggi, ma sono diventate anche prove di gara come separare un vitello dal branco o dividere quest’ultimo in gruppi dello stesso numero”.

A Pradonico, questo il nome dell’azienda, la doma e l’addestramento sono finalizzati a ottenere una buona gestione del cavallo, con solide basi e semplici principi, sia che si voglia ottenere un soggetto per l’attività agonistica, sia un amico per il tempo libero.

I cavalli allevati sono sia venduti che portati in gara. Elisa e il suo team hanno avviato anche una scuola di equitazione focalizzata principalmente sui bambini: si va dai primi passi di avvicinamento al cavallo da terra alle andature, sino a piccole competizioni. C’è anche la possibilità di tenere il proprio cavallo in pensione in azienda usufruendo dell’utilizzo delle strutture.

“Sono molto contenta e assolutamente non me l’aspettavo – ha commentato emozionata al momento del conferimento – ringrazio Anga per questo premio perché è una gratificazione che mi appaga, un riconoscimento sia dell’impegno in Anga Piacenza, all’interno della quale sono in consiglio al secondo mandato, sia del lavoro che svolgo in azienda che tanto mi appassiona, ma contemporaneamente assorbe”.

“Sono stato lieto di premiare Elisa Leonardi – ha commentato Matteo Cattivelli, presidente di Anga Piacenza – perché è una presenza positiva e propositiva all’interno della nostra associazione, perché è un esempio di imprenditrice in gamba e intraprendente che ha saputo conferire un taglio innovativo alla sua impresa agricola facendo di una passione un’attività vera e propria, contribuendo a diffondere ambiti poco noti dell’agricoltura”.

Presenti al momento della premiazione anche il presidente di Anga Emilia-Romagna, Luca Segalini e il presidente di Confagricoltura Piacenza, Enrico Chiesa che subito si sono congratulati con la premiata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.