Quantcast

Ultimo giorno per ammirare gli acquerelli di Silvia Molinari FOTO foto

Resta ancora la giornata del 30 dicembre per ammirare la mostra 'C'ero soltanto', delicati acquerelli dedicati alla natura, realizzati dall'artista piacentina Silvia Molinari. 

Resta ancora la giornata del 30 dicembre per ammirare la mostra ‘C’ero soltanto’, delicati acquerelli dedicati alla natura, realizzati dall’artista piacentina Silvia Molinari. Con grazia e poesia, queste opere cristallizzano momenti irripetibili: la scoperta di un fiore durante una passeggiata nel bosco, l’incanto di un uccellino tra i rovi invernali. Insomma, più che acquerelli i tratta di haiku trasferiti su carta. L’esposizione, curata da Elisa Bozzi, è allestita presso la libreria Bookbank di Piacenza. “C’ero soltanto”

a cura di Elisa Bozzi Dal 12 al 30 dicembre 2015
Libreria Bookbank Via San Giovanni 4, Piacenza

C’ero soltanto. C’ero. Intorno cadeva la neve. L’haiku è un breve componimento poetico che trova il suo culmine nel Giappone del periodo Edo, dall’inizio del 1600 alla seconda metà del 1800. Kobayashi Issa è l’autore dell’haiku da cui la mostra di Silvia Molinari prende il suo titolo. Una suggestione invernale, una riflessione sull’uomo e la natura mentre tutto, fuori, si copre del bianco morbido della neve.

L’artista osserva e immagazzina le immagini della natura, le conserva gelosamente per poi dare loro vita attraverso l’acquerello. Preziosissimi spunti delicati realizzati su carta cotone. Un’estetica della leggerezza assoluta, che tanto ricorda gli artisti giapponesi dei tempi che furono, in particolar modo a cavallo tra Settecento e Ottocento. Kacho-e nella tradizione artistica giapponese sono i lavori che ritraggono i fiori e gli uccelli.

Ci sono esempi che sono veri capolavori, usciti dai pennelli di Katsushita Hokusai, Kitao Masayoshi, Shinsai, Utagawa Iroshige, Kitagawa Utamaro. I rami, gli steli, le fioriture, si adagiano leggeri sul foglio bianco, privati del contesto in cui si trovano, puri nella loro bellezza.

C’è qualcosa di antico nei lavori di Silvia Molinari, la cura dei dettagli, la creazione di immagini che potrebbero quasi essere uscite da un erbario, ma che hanno in più al loro interno una profonda poesia. Anche l’inverno custodisce i suoi gioielli, meno sfacciati di quelli estivi, forse, che splendono sotto il sole. Ma basta osservare bene, con cura e fermarsi a riflettere. Mentre intorno cade la neve.

SILVIA MOLINARI – Nata a Piacenza nel 1976, si è diplomata all’Istituto d’Arte “Paolo Toschi” di Parma in tecniche decorative. Vive a Fiorenzuola d’Arda (Piacenza, Italia), un paese che si divide tra le pianure della “bassa” e l’accenno ai colli piacentini, in una casa circondata dai campi e dai suoi ritmi. Il suo percorso artistico comprende lo studio, la sperimentazione ed applicazione delle diverse discipline pittoriche, ma è forse attraverso l’acquerello che meglio si manifesta la sua capacità espressiva.

La combinazione dei più semplici elementi (acqua, pigmento e grafite su carta) sono, attraverso il segno grafico di Silvia, i migliori interpreti dei soggetti che ama riprendere, reinventandoli: arbusti, foglie, fiori e frammenti vegetali che sembrano essere scivolati un attimo prima sul biancore della carta.

I suoi acquerelli nascono con i gomiti puntati sul davanzale della finestra a guardar fuori, frugando nei cassetti, raccogliendo cose, giocando un po’. Intelaiati, sotto lastre trasparenti o liberi come semi. E poi situazioni e figure umane surreali, simboli di stati d’animo, di giochi e ricerche. Ha esposto ed espone permanentemente in diverse gallerie italiane ed estere attraverso mostre personali e collettive.

Tra le più importanti, negli ultimi due anni ha partecipato alla Biennale di Venezia nella sede regionale per l’Emilia Romagna ed ad ottobre 2012 ha esposto per la prima volta all’Affordable Art Fair di New York. Al momento, fa parte degli artisti seguiti dalla galleria Salamon & C di Milano e da JGO Gallery di Park City – Utah, USA. Ha collaborato in diverse occasioni con la rivista “Gardenia”, che ha dedicato ampi servizi alle opere di Silvia e alla sua ricerca sulle erbe spontanee. Fa parte degli artisti selezionati da Camillo Langone per il suo sito “Eccellenti Pittori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.