Firmato in Regione un nuovo accordo per l’anticipo degli ammortizzatori sociali

Rinnovato anche per il 2016 l'accordo con sindacati, rappresentanze delle imprese e diversi istituti bancari per ovviare ai tempi di erogazione da parte dell'Inps. Nel 2015 sono stati oltre 5 mila i beneficiari

Firmato in Regione il ‘Protocollo-Quadro’ sul sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà. Uno strumento finalizzato a diminuire il disagio dei lavoratori beneficiari degli ammortizzatori sociali dovuto al tempo che intercorre tra l’inizio delle sospensioni dal lavoro e l’erogazione da parte dell’Inps dei trattamenti stessi.

L’accordo è stato sottoscritto dall’Assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna Palma Costi, dai sindacati, dalle rappresentanze delle imprese e da diversi istituti bancari.

«Il rinnovo di questo accordo – sostiene l’assessore Costi – conferma la direzione di migliorare e uniformare gli strumenti per accompagnare i lavoratori in difficoltà. Un modo per assicurare alle famiglie continuità di reddito. Nel 2015 sono stati oltre 5.000 il numero di Conti correnti tecnici aperti che corrispondono ad altrettanti lavoratori che hanno così potuto usufruire di questo importante sostegno. Nessuno deve restare indietro. L’obiettivo principale resta quello di uscire più rapidamente possibile dalla crisi e creare nuova e buona occupazione».

Rispetto al Protocollo precedente è stato introdotto l’importo minimo di 100 euro per l’anticipazione e l’impegno a convocare almeno due volte l’anno il tavolo per monitorarne l’applicazione. L’accordo avrà validità per gli interventi di sostegno al reddito fino al 31 dicembre 2016 (a partire dal 1 gennaio).

Con il Protocollo saranno attivati finanziamenti individuali da parte delle banche a costo zero e a tasso zero a lavoratori dipendenti di aziende in crisi ovvero quelle imprese che attivano ammortizzatori sociali con pagamento diretto da parte dell’Inps (aziende in fase di cessazione di tutta o di parte dell’attività produttiva sul territorio regionale, con o senza l’attivazione di procedure concorsuali, oppure di aziende in situazione di grave dissesto finanziario oppure di aziende che hanno attivato gli ammortizzatori sociali in deroga).

Inoltre il finanziamento è un anticipo sui trattamenti di Cassa integrazione straordinaria, di Cassa integrazione in deroga e di Cassa integrazione ordinaria, per imprese editrici e per i contratti di solidarietà difensivi che spettano al lavoratore per supportarlo nei periodi di temporanea assenza di reddito, in attesa di percepire da parte dell’Inps le indennità di sostegno al reddito.

Lavoro, intesa sulla gestione della cassa integrazione in deroga per il 2016
Siglata in Regione l’intesa sulla gestione degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2016. L’accordo è stato sottoscritto dalle Regione Emilia-Romgana, dalle forze sociali, economiche e istituzionali emiliano romagnole durante i lavori del Tavolo tecnico di monitoraggio regionale sugli ammortizzatori in deroga.

Infatti, la legge di Stabilità ha disposto anche per il 2016 la possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali in deroga in attesa della completa attuazione della recente riforma degli ammortizzatori sociali.

Nel 2015 in Emilia Romagna sono state presentate 4922 domande di cassa integrazione guadagni in deroga che hanno coinvolto complessivamente circa 30 mila lavoratori

«Con oggi – sottolinea l’assessore regionale alle Attività Produttive Palma Costi – abbiamo fatto un passo in avanti per garantire un reddito a chi l’ha perso e non ha nessuna tutela consentendo anche di attivare le politiche attive necessarie a qualificare i lavoratori. L’obiettivo resta però quello di operare in modo diffuso per ricercare soluzioni di rilancio industriale».

Per fare il punto della situazione, il prossimo appuntamento del Tavolo tecnico di monitoraggio regionale sugli ammortizzatori in deroga sarà convocato  entro il prossimo 31 marzo 2016.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.