Quantcast

“Mamo il cavaliere di Lugano”, alla Feltrinelli si svela la favola di Garetti

Giovedì 5 gennaio alle ore 17 e 30 la libreria La Feltrinelli di Piacenza ospiterà la presentazione di “Mamo il cavaliere di Lugano“. Una fiaba di Natale da colorare con testi di Paolo Garetti e illustrazioni di Giovanni Giorgi Pierfranceschi (ed. Officine Gutenberg 2016).

Giovedì 5 gennaio alle ore 17 e 30 la libreria La Feltrinelli di Piacenza ospiterà la presentazione di “Mamo il cavaliere di Lugano“. Una fiaba di Natale da colorare con testi di Paolo Garetti e illustrazioni di Giovanni Giorgi Pierfranceschi (ed. Officine Gutenberg 2016).

Il cavaliere Mamo e il suo inseparabile cavallo parlante Berto devono salvare la principessa Dasy dal terribile drago Mofoy, e riportare il Natale in un regno triste triste.
L’impresa è rischiosa, ma Mamo e Berto partono all’avventura, e con tanto coraggio e un pizzico di magia arrivano nella dimora del crudele drago.

Riusciranno a salvare la principessa e a riportare il Natale nel regno?

Il libro è in vendita presso le librerie Feltrinelli e Fahrenheit 451 di Piacenza. 

La Team Mamo Onlus è costituita da un gruppo di amici che per anni ha condiviso passioni, emozioni, affetti e purtroppo dolori…
Mamo per i suoi amici, era parte fondamentale ed inscindibile di questo gruppo che desidera colmare questo grande vuoto continuando a condividere esperienze ed emozioni anche e soprattutto a favore di famiglie meno fortunate.
L’amicizia è condivisione, rispetto ed altruismo e Mamo avrebbe desiderato estenderla ai più piccoli.
Andate sul sito www.teammamoonlus.it e un bambino in più sorriderà

Paolo Garetti è nato a Piacenza qualche mese prima dello sbarco sulla luna. Imprenditore di professione, scrive favole per la figlia Giulia e per salvaguardare il sonno della moglie Claudia. La favola del Cavaliere Mamo è “uscita” in una sola notte della primavera 2013, ispirata dalla grinta e dal grande cuore del suo amico Massimo che adesso la leggerà comodo sdraiato su una nuvola.

Giovanni Giorgi Pierfranceschi è nato a Piacenza, da piccolo abitava sul Faxal, vedeva il Cheope dalla sua finestra e gli sembrava New York.
Adesso a Podenzano dalla sua finestra vede le colline e gli sembra la Terra di Mezzo.
Forse è per questo che disegna tutto il giorno, ed è sempre in ritardo, chissà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.