Nuovi progetti e collaborazioni per il Piacenza Jazz Fest. Il PROGRAMMA foto

Nel manifesto 2016 compaiono i nomi di Enrico Pieranunzi, Fabrizio Bosso, Dave Holland, Danilo Rea, Ramin Bahrami, Bireli Lagrène, Antonio Faraò, Kenny Barron e Dado Moroni

Più informazioni su

Torna il Piacenza Jazz Fest 2016, che anche quest’anno prevede un ricco programma di appuntamenti all’insegna della musica Jazz. IN ALLEGATO IL PROGRAMMA COMPLETO

Giunto alla tredicesima edizione, il festival si terrà da sabato 13 febbraio a sabato 19 marzo, in uno scenario che comprende concerti in alcuni locali cittadini (e non solo), aperitivi swing al Centro Commerciale Gotico e rivisitazioni delle valli piacentine con il Summertime in Jazz, oltre a presentazioni di libri, conferenze e Pedibus a ritmo di Jazz.

Nel manifesto 2016 compaiono i nomi di Enrico Pieranunzi, Fabrizio Bosso, Dave Holland, Danilo Rea, Ramin Bahrami, Bireli Lagrène, Antonio Faraò, Kenny Barron e Dado Moroni.

La rassegna, ideata e organizzata dall’Associazione culturale Piacenza Jazz Club, di cui Gianni Azzali è presidente, rientra in una stretta collaborazione con l’associazione Jazz Network- Crossroads, la Galleria Ricci Oddi, la Biblioteca Passerini Landi, il conservatorio Nicolini, la Galleria Alberoni, il centro commerciale Gotico, l’associazione “Il pellicano”, la casa per anziani “Vittorio Emanuele”, i licei Gioia e Respighi, la scuola media Dante- Carducci e la Casa Circondariale delle Novate.

Per lunedì 25 gennaio è prevista un’anteprima del festival con un concerto serale all’auditorium della Fondazione Piacenza e Vigevano (ore 21.15); a ingresso libero, l’evento vedrà esibirsi un quartetto di musicisti guidati da due grandi leader, il saxofonista Rosario Giuliani e il fisarmonicista Luciano Biondini.

Il via ufficiale del festival verrà dato dalla Brussels Jazz Orchestra, con Jean-Paul Estièvenart alla tromba che suonerà pezzi di repertorio del musicista Enrico Pieranunzi; il concerto sarà sabato 13 febbraio alle 21.15 allo Spazio “Le Rotative” di via Benedettine 66.

“Saranno più di 40 i concerti per questa edizione” – spiega il Presidente del Piacenza Jazz Club Gianni Azzali –  “e tra le novità di quest’anno, oltre al coinvolgimento della Galleria Ricci Oddi, c’è il progetto Donatori di Musica, che poterà il jazz nelle realtà più delicate di ospedali, ospizi e carceri”.

Anche per il 2016 è previsto il Concorso Nazionale “Chicco Bettinardi” che, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è supportato dall’associazione Piacenza Jazz fest, dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano e dal Yamaha Music Europe GmbH- Branch Italy: con l’obiettivo di scoprire e valorizzare i nuovi talenti del Jazz italiano, il concorso è composto da tre sezioni di musicisti, tra cui solisti, gruppi e cantanti.

I nomi dei vincitori saranno resi noti al gran galà di chiusura del festival, sabato 19 marzo alle 21.15 allo spazio Rotative.

Presenti all’incontro di presentazione del festival Massimo Toscani, Presidente della Fondazione Piacenza e Vigevano, Giorgio Milani, Membro del C.d.A. della Fondazione di Piacenza e Vigevano e responsabile del settore cultura, Tiziana Albasi, Assessore Cultura e Turismo del Comune di Piacenza, Stefano Perrucci, Assessore alla Cultura della Provincia di Piacenza e Gianni Azzali, Presidente del Piacenza Jazz Club e direttore artistico del festival.

Daniela Tucci

IL VIDEO

 

PROGRAMMA

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.