Camere di commercio, Cisl ER “Non è riforma, ma smantellamento”

Per una vera riorganizzazione del ruolo e delle funzioni delle Camere di Commercio Unioncamere e delle loro agenzie, quali soggetti che contribuiscono allo sviluppo ed alla coesione sociale dei territori, ecco l'intervento della Cisl regionale. 

Più informazioni su

Piacenza – Per una vera riorganizzazione del ruolo e delle funzioni delle Camere di Commercio Unioncamere e delle loro agenzie, quali soggetti che contribuiscono allo sviluppo ed alla coesione sociale dei territori, ecco l’intervento della Cisl regionale. 

La CISL, a tutti i livelli (nazionale regionale e territoriale), insieme alle altre confederazioni CGIL e UIL, ha intrapreso con le lavoratrici e i lavoratori delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Unioncamere, delle aziende speciali e collegate, una decisa mobilitazione per indurre il governo a modificare i contenuti della paventata riforma degli enti camerali.

Infatti, più che una riforma o un riordino, siamo in presenza dello smantellamento, pressoché completo, delle funzioni di maggior rilevanza e utilità al servizio delle economie locali offerte oggi dal sistema camerale.

Parliamo:

• Della promozione del territorio e delle economie locali ai fini della competitività;

• Del sostegno al Consorzio fidi per l’accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese;

• Del supporto all’internazionalizzazione delle imprese italiane all’estero, in raccordo con i programmi del Ministero dello sviluppo economico e per la tutela del made in Italy;

• Della promozione dell’innovazione e del trasferimento tecnologico alle imprese;

• Della costituzione di commissioni arbitrali e conciliative per la risoluzione di controversie tra imprese e consumatori;

• Della promozione di forme di controllo sulla presenza di clausole inique inserite nei contratti;

• Della cooperazione con le istituzioni scolastiche e universitarie in materia di alternanza scuola-lavoro e per l’orientamento al lavoro e alle professioni;

• Della realizzazione di osservatori dell’economia locale e diffusione di informazione economica.

Sono solo alcune delle funzioni che il governo intenderebbe togliere alle Camere di commercio, ma sono attività di cruciale importanza per lo sviluppo del territorio. L’obiettivo è quindi ridurre gli enti camerali a meri gestori burocratici del registro delle imprese, del loro fascicolo elettronico e di poco altro.

Verrebbe così meno uno dei componenti strategici della squadra di attori sociali e istituzionali che ha siglato il patto per il lavoro in Emilia Romagna.

Un patto che sta cominciando a dare apprezzabili risultati in termini di innovazione, sviluppo, occupazione e internazionalizzazione dell’economia regionale, obiettivi che sono parte integrante della mission delle Camere di commercio, e quindi di tutti i soggetti interessati al loro raggiungimento.

I lavoratori delle Camere di commercio sono stati i primi, nel corso delle assemblee organizzate unitariamente da CGIL CISL UIL, a ribadire di essere interessati a partecipare a riforme capaci di migliorare l’efficacia del sistema camerale nel suo insieme.

C’è ancora tempo per intervenire tutti insieme, ognuno con i propri mezzi, affinché il Governo riveda i suoi progetti sulle Camere di commercio, salvaguardando, nel contempo, il lavoro e le professionalità dei dipendenti che vi operano e le attività strategiche per lo sviluppo dei nostri territori, dentro ad un contesto di ineludibile coesione sociale.

Riusciremo nell’intento se interveniamo con spirito costruttivo, come abbiamo dimostrato di saper fare in questa regione. Crediamo di avere ottime comuni ragioni da sostenere, per il futuro del lavoro, delle imprese, dell’economia e della tenuta sociale dei nostri territori.

CISL Emilia Romagna  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.