Quantcast

Domenica ecologica, oggi a Piacenza stop alle auto

Dalle 8.30 alle 18.30, nel centro abitato sarà in vigore il divieto di circolazione dei veicoli a benzina e diesel pre Euro ed Euro 1, diesel Euro 2 ed Euro 3, commerciali diesel pre Euro, Euro 1 ed Euro 2 e dei ciclomotori e motocicli a due tempi pre Euro

Più informazioni su

Torna l’appuntamento con la domenica ecologica: oggi, 7 febbraio, dalle 8.30 alle 18.30, nel centro abitato sarà in vigore il divieto di circolazione dei veicoli a benzina e diesel pre Euro ed Euro 1, diesel Euro 2 ed Euro 3, commerciali diesel pre Euro, Euro 1 ed Euro 2 e dei ciclomotori e motocicli a due tempi pre Euro, mentre rimane sempre attivo l’obbligo di spegnimento del motore dei veicoli in sosta.

Sono escluse dalle limitazioni alla circolazione le seguenti aree interne al centro abitato in quanto non sono al momento sufficientemente servite dal trasporto pubblico locale: Località Besurica; Località Montale; Località Le Mose.

Al fine di consentire ai veicoli provenienti dall’area extraurbana di non attraversare la città di Piacenza per raggiungere altre destinazioni e di accedere alle aree di parcheggio servite da bus navetta o da bus di linea, sono inoltre escluse dalle limitazioni alla circolazione le seguenti: Via E. Pavese;Via Einaudi; Via I° Maggio nel tratto compreso tra Via Einaudi e Via Emilia Pavese; bretella Strada Gragnana – Via Einaudi; prolungamento Tangenziale Sud; Strada Agazzana; Tangenziale Sud; Strada Bobbiese;  Strada Val Nure;  Via Gorra nel tratto compreso tra Strada Val Nure e Largo Anguissola; Via Motti; Via Martiri della Resistenza nel tratto compreso tra Via Motti e Via Manfredi; Via Manfredi nel tratto compreso tra Via Martiri della Resistenza e Via Gorra; Via Delle Novate; Via Emilia Parmense;  Via Colombo; P.le Roma; Via La Primogenita; Viale S. Ambrogio; P.le Milano; Via Emilia per Milano (S.S. 9); Via Legione Zanardi Landi; Via Maculani; Via XXI Aprile; P.le Torino; Via del Pontiere nel tratto compreso tra Via Nino Bixio e Via XXI Aprile attraverso sottopasso della linea ferroviaria Piacenza – Alessandria; Via Nino Bixio nel tratto compreso tra Via del Pontiere e Via Diete di Roncaglia; Via Diete di Roncaglia; Via Caorsana; Via Cremona; nuovo Cavalcaferrovia (Via Diete di Roncaglia – Via XXI Aprile); Via Portapuglia; Via Borgoforte.

La domenica ecologica è uno dei provvedimenti stabiliti dal Comune per affrontare la situazione critica di inquinamento atmosferico sulla base di quanto stabilito dal Piano regionale sulla qualità dell’aria.
 
Arpa segnala infatti che, nel periodo dal 19 gennaio al 1° febbraio, lo sforamento continuativo del valore limite giornaliero di 50 µg/m3 di pm10 rilevato dalle stazioni di monitoraggio ha interessato diverse province della regione.

Fino a martedì 9 febbraio 2016 sono stabilite le seguenti ulteriori misure emergenziali:

è obbligatorio ridurre le temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a un massimo di 19 gradi centigradi nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali e fino a un massimo di 17 gradi centigradi nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali (sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive);

– nelle unità immobiliari dotate di sistemi di riscaldamento multi-combustibile, è vietato l’utilizzo di biomasse (legna, pellet, cippato, altro) in sistemi di combustione del tipo camino aperto.

Eventuali nuove disposizioni potranno stabilire la prosecuzione di tali misure emergenziali successivamente alla verifica dello stato di qualità dell’aria da parte di Arpa in programma il prossimo martedì 9 febbraio 2016.

Per ulteriori dettagli e precisazioni è possibile consultare il sito www.comune.piacenza.it che riporta, anche in home page, tutte le informazioni utili sul tema. SCARICA L’ORDINANZA DEL COMUNE DI PIACENZA

INQUINAMENTO, GIROMETTA (FI): “SERVONO AZIONI SISTEMATICHE” – “Ogni volta che si parla di inquinamento atmosferico – afferma Maria Lucia Girometta, capogruppo Forza Italia in consiglio comunale – si sente parlare di restrizioni e blocchi”.

“L’aria che respiriamo non può essere un tema da affrontare solo quando la situazione è di emergenza…quando l’aria che respiriamo è così nefasta da avvertire fastidio e quasi un senso di soffocamento…serve una  progettualità sistematica e servono azioni concrete; non è accettabile che vengano istituiti  blocchi e divieti ogni tanto, ma occorre che sistematicamente ci si occupi della salute nostra e dei nostri figli”.

“L’Amministrazione Comunale – prosegue – con l’Ordinanza nr.35 del 2 febbraio scorso, al punto 2,  ordina lo spegnimento del motore dei veicoli in sosta in base all’art.157 comma 2 del D.Dls del 30 aprile 1992 nr.285. Bene ha fatto! Già in data 6/6/2015 ho presentato una Risoluzione che esortava il Sindaco a far rispettare detta norma; non mi sembra che l’Amministrazione abbia fatto nulla di eccezionale, considerato anche che detta Risoluzione non è stata ancora discussa né è stato mai preso in considerazione detto problema!”

“È compito e dovere di chi ci governa – conclude – affrontare il problema non con restrizioni urgenti e all’ultimo minuto,ma con azioni mirate e con una progettualità fattiva”.

L’ordinanza del Comune di Piacenza

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.