Quantcast

Il Ministro in Fondazione “Cultura motore di sviluppo del Paese” foto

L'ex convento potrebbe ospitare il collegio a servizio del conservatorio Nicolini, con a disposizione 16 stanze e 25 posti letto, cucina e sale varie.  Al piano interrato invece sarà realizzata una sorta di casa delle associazioni di Piacenza.

 “La cultura è una grande opportunità di sviluppo per il nostro Paese. Accanto alla tutela del patrimonio artistico, sancita dalla Costituzione, noi abbiamo deciso di farlo diventare un’opportuità di crescita”. Il ministro Dario Franceschini, ospite della Fondazione di Piacenza e Vigevano, ha voluto ricordare come “abbiamo interrotto la stagione dei tagli a questo settore, prima con il governo Letta e poi Renzi. Ora abbiamo invertito la tendenza, grazie a un bilancio aumentato del 27 per cento. Abbiamo investito sul patrimonio, sul cinema, sui giovani, triplicando i fondi per le biblioteche e gli archivi”.

Il presidente della Fondazione, Massimo Toscani, ha presentato al ministro, insieme a Giorgio Milani, membro del cda, i principali progetti che l’ente ha in cantiere. Dal recupero dell’ex convento Santa Chiara, con la realizzazione di un collegio per gli studenti del conservatorio Nicolini (16 stanze, 25 posti) e di una casa delle associazioni, all’allestimento, all’interno dell’ex palazzo Enel un centro per le arti contemporanee, un albergo etico a Vigevano, con personale diversamente abile, diverse iniziative di promozione culturale tutte dedicate al Guercino, con una mostra omaggio al suo “scopritore” e principale collezionista, sir Denis Mahon.

Proposte che hanno avuto il plauso del ministro. Bene i progetti di rilancio dell’ex convento e dell’ex palazzo Enel, inseriti in una sorta di ideale cittadella della cultura a Piacenza. “I nostri centri storici sono pieni di luoghi meravigliosi, vanno recuperati invece di continuare a occupare suolo” ha detto Franceschini. Bene anche l’esposizione legata al Guercino. “Penso che invece di ospitare mostre con finalità commerciali, si debbano privilegiare – dice – mostre di artisti che abbiano un legame con il territorio che le ospita, e questo è il caso”. Sul fronte dell’albergo etico di Vigevano “è un modo intelligente di coniugare etica e arte”. 

All’incontro in Fondazione erano presenti anche il sindaco di Piacenza, Paolo Dosi, il presidente della Provincia Francesco Rolleri, il sottosegretario Paola De Micheli, i consiglieri regionali Pd Katia Tarasconi e Gianluigi Molinari

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.