“Il sindaco del Rione Sanità” di De Filippo arriva al Municipale 

Presentato al Napoli Teatro Festival “Il sindaco del Rione Sanità” ha superato, raccogliendo un grande successo di pubblico, la scommessa di portare “in casa” di Eduardo De Filippo un testo di Eduardo interpretato da un attore non napoletano

Uno spettacolo che alla sua seconda stagione di tournée arriva a Piacenza preceduto da un unanime coro di elogi. È “Il sindaco del Rione Sanità” di Eduardo De Filippo, interpretato da Eros Pagni e diretto da Marco Sciaccaluga, coprodotto dal Teatro Stabile di Genova con il Teatro Stabile di Napoli.

Appuntamento al Teatro Municipale martedì 2 e mercoledì 3 febbraio alle ore 21 nel cartellone Prosa della Stagione “Tre per Te” organizzata da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con Fondazione Teatri e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Presentato al Napoli Teatro Festival in occasione del trentesimo anniversario della morte del suo autore, “Il sindaco del Rione Sanità” ha superato, raccogliendo un grande successo di pubblico, la scommessa di portare “in casa” di Eduardo De Filippo un testo di Eduardo interpretato da un attore non napoletano.

Un’interpretazione per la quale Eros Pagni ha vinto Premio “Le maschere del Teatro 2015” come migliore attore protagonista.

L’azione si svolge per i primi due atti nella residenza di campagna di Don Antonio Barracano e nel terzo nella sua casa di città, al Rione Sanità. In entrambi i luoghi, Don Antonio esercita, con il trentennale appoggio del sempre più disincantato dottor Fabio della Ragione, la sua personale idea della legge.

Fa estrarre pallottole e ricucire ferite dal corpo di giovanotti troppo animosi; concede “udienze” giornaliere a chi si rivolge a lui per avere giustizia e protezione. Lo spettatore fa così la conoscenza di una curiosa fauna umana, composta da piccoli delinquenti, usurai e bottegai poco accorti.

Per tutti Don Antonio ha la soluzione giusta. Ma quando davanti a lui si presentano Rafiluccio e Rituccia, sua compagna in avanzato stato di gravidanza, le cose si complicano.

Rafiluccio, infatti, non chiede aiuto o protezione, vuole solo comunicargli che ucciderà suo padre, Arturo Santaniello, ricco panettiere, che lo ha diseredato e cacciato di casa, non riconoscendolo più come figlio.

Prima di dare il suo parere, Don Antonio vuole però sentire “l’altra campana” e convoca pertanto il padre, al quale dapprima confida la storia vera del suo primo delitto contro i soprusi di un arrogante prepotente, invitandolo poi a riconciliarsi con i figlio. Ma il panettiere rifiuta e lo invita di fatto a farsi gli affari suoi, dando così inizio a un tragico precipitare degli eventi.

Scritta e rappresentata nel 1960, “Il sindaco del Rione Sanità” è una commedia che lo stesso Eduardo amava definire «simbolica e non realistica», una commedia che «affonda le proprie radici nella realtà, ma poi si sgancia da essa, si divinizza, per dare una precisa indicazione alla giustizia», perché «Don Antonio è qualcosa di assai diverso da quel capo camorra che all’inizio sembrerebbe che fosse: egli è un visionario che cerca di ristabilire nel mondo un ordine andato fuori sesto».

Dice il regista Marco Sciaccaluga: «”Il sindaco del Rione Sanità” è una commedia complessa che mescola comico e tragico, realismo e simbolismo (anche cristologico). Un testo abitato da un protagonista, Antonio Barracano, fondamentalmente ambiguo, essendo egli insieme un capo camorra e un idealista, una sorta di Robin Hood degli ignoranti; un personaggio la cui grandezza sta proprio nella capacità di mescolare il male e il bene, il positivo e il negativo, l’alto e il basso. È in questo senso che l’ho messo in scena come uno dei testi più shakespeariani di Eduardo. A me non sembra che “Il sindaco del Rione Sanità” sia tanto una commedia radicata in una ideologia, quanto una tragedia le cui autentiche radici affondano nell’esistenza umana».

Per Eros Pagni si tratta di un ritorno al Teatro Municipale di Piacenza, dove era andato in scena nel marzo 2010 con lo spettacolo “L’impresario delle Smirne” di Carlo Goldoni con la regia di Luca De Fusco, una coproduzione Teatro Stabile del Veneto e Teatro Stabile di Catania con il sostegno de La Biennale di Venezia. Foto Ag Cubo
 
PREZZI

Platea
€ 28 (intero) 26 (convenzioni) 24 (ridotto) 16 (family card)

Posto Palco
€ 26 (intero) 24 (convenzioni) 22 (ridotto) 14 (family card)

Ingresso Palchi/Galleria
€ 16 (intero) 15 (convenzioni) 14 (ridotto)

Galleria numerata
€ 21 (intero) 20 (convenzioni) 19 (ridotto) 13 (family card)

Loggione numerato
€ 13 (intero) 12 (convenzioni) 11 (ridotto) 4 (family card)

Ingresso Loggione € 8
Studenti posto unico in galleria €13 – 4 (family card)

Last minute
€ 15 (platea e posto palco) 11 (galleria) 4 (loggione)
 
INFO E BIGLIETTERIA
TEATRO GIOCO VITA, Via San Siro 9, Piacenza – Telefono 0523.315578 – biglietteria@teatrogiocovita.it
Orari di apertura: dal martedì al venerdì ore 10-16.
Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 19 (Teatro Municipale, via Verdi 41, tel. 0523.492251).

 
Per informazioni: Teatro Gioco Vita, Biglietteria/Promozione pubblico 0523.315578 info@teatrogiocovita.it

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.