Parcheggio stazione, la denuncia: “Furti, paura e nessun controllo” 

"Scrivo questa e-mail per denunciare alcuni fatti che si susseguono nella nostra città da ormai mesi e mesi e mesi. Non è la prima volta: se si va in bici ti rubano le bici, se si va in moto scassinano i portaoggetti e rubano i caschi, se si va in macchina, quest'ultime vengono inequivocabilmente 'curate' e scassinano finestrini e rubano oggetti

La situazione del parcheggio della stazione ferroviaria di Piacenza è fuori controllo: la denuncia arriva da una lettrice che ha scritto alla redazione di PiacenzaSera.it per segnalare le difficoltà dei pendolari e di tutti i cittadini che posteggiano quotidinamente in quell’area. 

“Scrivo questa e-mail per denunciare alcuni fatti che si susseguono nella nostra città da ormai mesi e mesi e mesi. Non è la prima volta: se si va in bici ti rubano le bici, se si va in moto scassinano i portaoggetti e rubano i caschi, se si va in macchina, quest’ultime vengono inequivocabilmente ‘curate’ e scassinano finestrini e rubano oggetti. Mi chiedo come possa esserci, in una realtà delle dimensioni di Piacenza , questa noncuranza dei fatti che si susseguono senza interruzione alcuna. Non va data la colpa al fatto che il parcheggio della stazione è un luogo ‘difficile’ come Via Roma come i Giardini Margherita o quant’altro. E’ un luogo incontrollato, benché si sappia benissimo che cosa succede ogni giorno.”

Una condizione difficile, che genera paura nei frequentatori del parcheggio, come sottolinea la lettrice: “Mi chiedo lo scopo dell’amministrazione comunale e degli organi comunali qual è? Che ci si faccia giustizia da soli?” e aggiunge “se non si può trovare un modo per salvaguardare la serenità dei proprio cittadini in una realtà cosi piccola, dove la si trova? Ma i pendolari (in questo singolo caso) , devono avere paura di andare a lavorare serenamente? Ma in che razza di mondo siamo finiti? E’ una cosa inaccettabile e vergognosa.

Perché se io vado a lavoro ogni mattina lo faccio anche per pagare tutte quelle tasse che il Comune chiede periodicamente. Loro per me cosa fanno da questo punto di vista? Assolutamente il nulla… il nulla più. E’ ingiustificata soprattutto fronte alle mille denunce e lamentele pervenute negli ultimi periodi. Non si dica di metterli a pagamento perché succederebbe la medesima cosa che accede quotidianamente in Piazza Cittadella” facendo riferimento agli abusivi che chiedono soldi ai chi posteggia.

“Il problema è ben un altro. La continua e imperterrita situazione che non si smuove di un centimetro, mancanza di ascolto dei cittadini, mancanza di interventi a salvaguardia della sicurezza degli stessi, il classico fare orecchie da mercante. Mi chiedo se al sindaco, oggi sì e domani anche, scassassero la macchina, se ne starebbe li con le mani in mano a rimirare la bellezza del Duomo piuttosto che di Palazzo Farnese o Gotico.

Che si faccia due passi a piedi e veda con i suoi occhi, altrimenti tra poco probabilmente con quei suoi occhi vedrà gente che si fa giustizia da sé.”
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.